Chi Siamo Contatti Link Archivio Sito
Ricerca:
AREA MAGAZINE

Applaudiamo Breading
Qualche mese fa, in una newsletter, vi avevamo raccontato ...
altre newsletter

Focus News
Lo sguardo di Combonifem sull'attualità dell'Italia e del mondo
NEWS
Meno analfabeti nel mondo, ma non in Africa
L’ultimo rapporto Onu sull’educazione, la scienza e la cultura afferma che globalmente il tasso di alfabetizzazione nel mondo cresce. Purtroppo però è una notizia buona solo a metà, in Africa il numero di adulti privi d’istruzione continua ad aumentare, soprattutto tra le donne.



16.10.2008: C’è una buona notizia e una cattiva. La buona è che finalmente il tasso di alfabetizzazione globale cresce. La cattiva invece è che la situazione nell’Asia del sud-ovest e nell’Africa subsahariana rimane preoccupante, perché l’aiuto finanziario in favore dell’alfabetizzazione continua a rimanere insufficiente.

È questo quel che emerge dall’ultimo rapporto delle Nazioni Unite sull’educazione, la scienza e la cultura, reso noto dall’agenzia Fides. Stando alle cifre diffuse dall’Onu, complessivamente gli analfabeti nel mondo sono calati. Il numero delle persone prive di istruzione è passato infatti da 871 milioni - nel periodo 1985/1994 - a 774 milioni negli anni che vanno dal 2000 al 2006.

Un decremento importante, che fa sì che il tasso mondiale di alfabetizzazione degli adulti slitti dal 76 all’83,6%. Un progresso particolarmente significativo nei Paesi in via di sviluppo, dove la tendenza è ancora più forte: si passa infatti dal 79% al 68% di analfabeti. Se tale ritmo – afferma il rapporto – dovesse continuare a rimanere costante, è possibile che il processo di alfabetizzazione degli adulti arrivi a toccare l’87% nel 2015. Ma purtroppo c’è poco da illudersi. Per quelle cifre che a livello globale mostrano degli indicatori positivi, ne esistono altre che, a livello regionale e continentale, segnalano la permanenza di forti disparità. Il 75% degli analfabeti infatti vive in 15 nazioni del mondo. Basti pensare ad esempio che nell’Africa subsahariana il numero di coloro che non sanno né leggere né scrivere è passato, dal 1985 al 2006, da 133 a 163 milioni.

A tutto questo poi va aggiunta la situazione delle donne il cui tasso di analfabetismo è rimasto praticamente identico. Nei due periodi presi in considerazione dal rapporto dell’Onu, la percentuale femminile è aumentata di un solo punto: dal 63 al 64%. Segno che esiste ancora una grande discriminazione che riguarda l’accesso all’istruzione delle donne.

  torna all'elenco stampa invia articolo
   

 

 
Le capofamiglia della Siria
Avere una famiglia lontana dalla propria terra ed essere sole ...
vedi altre news
 
 
Povertà assoluta
vedi altri
 
La Nobel che si oppose all’apartheid
(Sudafrica)
 
La cultura dello scarto
Partendo dai continui appelli di papa Francesco a rifiutare ...
vedi altri libri  
 
Calcio africano in mostra
 
Il cammino con la famiglia comboniana
© COMBONIFEM | P.Iva: 00524770237 | network@combonifem.it PROGETTI | OLTRE LA NOTIZIA | PROFILO | SGUARDO FUORI | AGENDA | ZOOM