Lunedì, 14 Maggio 2018 10:40

Quando la diga ti ruba la vita

Per molti Paesi attraversati da grandi fiumi, le megadighe costituiscono un investimento strategico per la produzione di energia.

Il fiume Mekong, scendendo dal Tibet, attraversa Cina, Birmania, Laos, Thailandia, Cambogia e Vietnam. Sul suo bacino sono progettate una quarantina di dighe gigantesche, di cui quattro quasi ultimate. Sono state pianificate frettolosamente, senza valutarne né gli impatti ambientali e sociali a livello locale, né quelli a livello complesso sull’ecosistema.

A livello locale, la popolazione, in prevalenza dedita alla pesca o all’agricoltura e alla raccolta, accetta di spostarsi altrove in cambio di un indennizzo, che a prima vista può sembrare allettante. Purtroppo in molti finiranno in zone urbane dove le loro abilità risultano inutili, o in zone aride e improduttive, semplicemente invivibili.

L’impatto a livello complesso interessa gli equilibri della fauna e della flora e il trasporto di detriti che fertilizzano il suolo: si manifesta silenziosamente, dopo anni, ed esplode quando le comunità locali avvertono un danno ormai irreparabile all’ecosistema.

In Cambogia il Sesan è uno dei principali affluenti del Mekong. La costruzione della diga Lower Sesan II ha imposto alla popolazione dell’area di spostarsi in terreni sassosi e poco fertili, lontano dall’acqua. Con voce commossa Emanuele Bompan racconta.

Ricorda Je Srey, una donna esile: «Siamo stati nella sua casa. Suo marito ha accettato l’indenizzo e se n’è andato con il figlio maggiore. Lei è rimasta sola con gli altri due figli». Je Srey non sapeva dove andare: ha sempre coltivato il suo orticello, pescato dal fiume e raccolto dal bosco. «Con occhi duri, senza lacrime, ci ha detto: “Non mi compreranno. Non mi piegheranno con le armi. Non sono contraria alla diga, ma non deve distruggere la nostra vita per alimentare il televisore di chi vive lontano da qui. Quando l’acqua inizierà a salire, rimarrò nella mia casa. Morirò sommersa dal fiume che ci ha dato la vita”. Ora quella casa è sommersa dall’acqua della diga e non sappiamo cosa ne sia di Je e dei suoi figli».

Last modified on Lunedì, 14 Maggio 2018 11:02

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.