Oltre i luoghi comuni Partecipanti al convegno Laura Caffagnini
Sabato, 20 Maggio 2017 04:50

Oltre i luoghi comuni

Si è svolto a Roma, il 5 e 6 maggio scorso, il convegno internazionale promosso dal Coordinamento Teologhe Italiane (Cti), con il sostegno della Tavola Valdese. Nel quinto centenario della Riforma il tema era: “La Bibbia e le donne: 500 anni di cambiamenti”. Presso la Facoltà Valdese di Teologia sono convenute una ventina di esperte ed esperti in storia, letteratura e teologia, di area italiana, tedesca e anglo-americana. Un centinaio le partecipanti, in prevalenza donne. Poiché arte e musica non giocano un ruolo marginale alla pratica e al confronto sui temi del convegno, il percorso è stato arricchito dall’esposizione di pitture “Donne forti, donne ribelli, donne della Riforma” e dal concerto “Anche la musica è donna”

Relatori e partecipanti provenienti da contesti accademici, linguistici ed ecclesiali diversi, hanno dato vita ad una inedita comunità di ricerca, profezia di pace in scenari non certo idilliaci.
Nella tavola rotonda di conclusione è stato proposto un ricco itinerario storico, dalla Riforma al Novecento, fino ai giorni nostri, con un’apertura al ruolo della teologia femminista e alla pratica delle varie Chiese. Il taglio puntuale dei contributi ha permesso di esemplificare la concreta azione e gli spazi acquisiti dalle donne nei vari periodi.

Un prisma di SIGNIFICATI
Il tema proposto nel convegno si presenta come un prisma dalle molteplici facce, che rappresentano i vari tagli della riflessione: storico, biblico, di genere, ecumenico. La prospettiva storica è quella che ne ha indirizzato il cammino. Il paziente recupero delle fonti ha permesso alle donne, alle loro voci, ai loro circoli, di riemergere da quell’abisso in cui il fluire, mai neutro, dei secoli le aveva sommerse.
L’evento è stato un’ottima occasione per praticare quel sano allenamento mentale che evita il ristagno delle idee. Al contrario di quanto taluni sostenevano riguardo alle fattezze del corpo femminile, che rispetto a quello maschile sarebbe più adatto alla sedentarietà e perciò alla vita domestica, il convegno è stato segnato dal movimento delle persone e dei pensieri, dando luogo ad una «comunità ermeneutica» che trae origine dall’ascolto e dalla messa in circolo dei saperi storico-teologici e dei contesti ecclesiali.
La ricerca di emancipazione delle donne non conosce distinzione confessionale e, all’indomani di questo convegno, si può ben dire che la ricerca storica lo stia dimostrando. L’attenzione focale sulla Riforma non ha ostacolato l’apertura di qualche squarcio sul panorama cattolico, a detta di Gigliola Fragnito (Università di Parma) non del tutto sequestrato dalla proibizione di accesso alla Bibbia dopo il Concilio di Trento.

Quale il rapporto di Lutero con le donne?
Il riformatore è chiaramente debitore del pensiero aristotelico sull’inferiorità e la subordinazione delle donne, ha spiegato Charlotte Methuen (Glasgow). Tuttavia, a livello spirituale, Lutero rifiuta categoricamente l’idea che la donna debba essere biologicamente intesa come un uomo mancato, però nega alle donne l’accesso al ministero pubblico della predicazione, pur riconoscendo la possibilità di una chiamata a profetizzare. Il nuovo contesto certamente portò ad un contatto più stretto tra i teologi e le donne: molti infatti scrivevano all’interno di un’esperienza matrimoniale e di condivisione di vita.
Sarà il pietismo, in particolare quello radicale, a incoraggiare una revisione del ruolo femminile nelle Chiese alla fine del Seicento.
Le Chiese protestanti della prima modernità erano dunque patriarcali come il cattolicesimo.
Per Lothar Vogel, della Facoltà Valdese «quando nel XX secolo le Chiese protestanti cominciano a discutere l’apertura del pastorato alle donne, le discussioni del Cinquecento guadagnano attualità.

Continua

Last modified on Domenica, 21 Maggio 2017 07:53

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.