Donne e bambine, l’emblema dei rifugiati Una rifugiata somala con il suo bambino Unhcr
Lunedì, 19 Giugno 2017 06:20

Donne e bambine, l’emblema dei rifugiati

"Ho conosciuto tanti che hanno perso tantissimo, ma non perdono mai i loro sogni per i loro figli o il loro desiderio di migliorare il nostro mondo e chiedono poco in cambio - solo il nostro sostegno nel loro tempo di più grande necessità" - segretario delle Nazioni Unite -Generale, António Guterres

Secondo i dati riportati dall’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), circa il 50% della popolazione mondiale di rifugiati è costituita da donne e bambine.

Oggi, in prossimità della ricorrenza della Giornata Mondiale del Rifugiato (20 giugno), ci aggrappiamo a questo dato per provare metterci nei panni di chi si carica di questo attributo, che è responsabilità e coraggio.

Essere rifugiato significa rinunciare ad una sensazione che non dovrebbe mai essere data per scontata: quella di sentirsi a casa.

Essere una donna o una bambina rifugiata, significa lasciarsi dietro padri, mariti e fratelli che combattono in guerra, che giacciono sotto terra, che sono detenuti in prigione. Significa scappare dalla guerra per cercare un luogo sicuro, sopportare indifferenza, molestie e abusi sessuali. E affrontare tutto questo mentre si è madri, insegnanti e capofamiglia.

Se si visita un campo profughi, l’immagine che colpisce è quella delle donne con i loro bambini. Donne spesso sole che, assieme ai propri figli, rappresentano l’80% dei rifugiati e degli sfollati presenti nel mondo e che, quasi sempre, sono la loro unica speranza di sopravvivenza.

Ogni giorno è una sfida. Si comincia all’alba facendo la fila per l’acqua in mezzo al fango del campo. Poi, le taniche da trasportare fino alla tenda. E ancora chilometri e chilometri di cammino per raccogliere qualche ramo secco con cui cuocere gli ingredienti della razione alimentare. Cibo che, molto spesso, viene distribuito dagli uomini secondo criteri arbitrari, a volte dirottato per altri scopi o venduto al mercato nero.

In un mondo dove la violenza costringe migliaia di famiglie a fuggire ogni giorno per la loro vita, è ora di dimostrare che il pubblico globale è in piedi con i rifugiati.

Negli ultimi anni, l’Unchr ha sviluppato una serie di programmi speciali per fare in modo che, mentre cercano di ricostruire la propria vita, le donne rifugiate abbiano pari accesso a protezione, beni e servizi di prima necessità.

Inoltre, nel 2016 ha lanciato la petizione di #WithRefugees per inviare un messaggio ai governi spingendoli a lavorare insieme e a fare la loro giusta parte per i rifugiati.

Last modified on Lunedì, 19 Giugno 2017 06:29

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

INSTAGRAM

25 aprile 2014. Arena di Pace a Verona. 13mila persone, uomini e donne di tutte le età alla manifestazione Arena di pace e disarmo.

Una foto pubblicata da Combonifem Magazine (@combonifem) in data:

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.