Media, dati e realtà Flussi migratori nel 2015 Onu
Giovedì, 06 Luglio 2017 03:31

Media, dati e realtà

Con questo dossier, fatto di dati oggettivi, flash e significative osservazioni sulla complessa realtà delle diverse situazioni e dei diversi vissuti della mobilità umana oggi nel mondo, ci si è proposti di mettere chi legge nella condizione di valutare criticamente il tipo di informazione che, su migranti e immigrati, riceviamo ogni giorno dai media

L’informazione sulle migrazioni fornita dai media più diffusi è molto spesso deontologicamente scorretta e irresponsabile, perché da una parte assolutizza dati che vanno relativizzati e dall’altra contribuisce non poco, schiacciata com’è sul disagio e la cronaca nera, ad alimentare paure che sono matrici di xenofobia e razzismo.

Ci sono in questo dossier numeri che parlano da soli. E basterebbe tenerli presenti per la durata di un talk-show televisivo per rendersi conto della superficialità con cui quasi sempre, nei media, viene affrontato l’argomento immigrazione.

Prendiamo il dato che, al posto dell’immagine conturbante dei barconi, dovrebbe fare macroscopicamente da sfondo ad ogni dibattito in televisione: più di un miliardo di persone, su 7 miliardi e 500 milioni di esseri umani oggi nel mondo, ha fatto o sta facendo l’esperienza del migrare da una regione all’altra, da uno Stato all’altro, da un continente all’altro del Pianeta. O come risorsa o come problema. O come risorsa e problema insieme, in diverse proporzioni, combinazioni e prospettive, per sé e per gli altri, suscitando di volta in volta, in differenti congiunture economiche e sociali, atteggiamenti di massa favorevoli e sfavorevoli all’apertura delle frontiere.

Di questo miliardo, tre quarti (750 milioni circa) è costituito da persone, uomini e donne prevalentemente giovani, dentro le cosiddette migrazioni interne (si pensi anche soltanto a grandi Paesi come Brasile, Sudafrica, India, Cina) e un quarto (250 milioni circa) dentro le migrazioni internazionali, con flussi che sono ad oggi imputabili solo per il 34% a movimenti dal Sud al Nord del mondo, mentre per il 38% si tratta di spostamenti Sud-Sud, per il 23% Nord-Nord e, in minima parte, per il 5%, Nord-Sud.

Ci sono in questo dossier testimonianze che vengono da regioni di confine...

Continua

Last modified on Giovedì, 06 Luglio 2017 03:41

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

INSTAGRAM

 

25 aprile 2014. Arena di Pace a Verona. 13mila persone, uomini e donne di tutte le età alla manifestazione Arena di pace e disarmo.

Una foto pubblicata da Combonifem Magazine (@combonifem) in data:

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.