Mercoledì, 31 Gennaio 2018 12:55

Un chiaro orientamento

Dalla Dichiarazione di New York.

«Sin dai tempi più antichi, l’umanità è in movimento. Alcune persone si spostano per cercare nuove opportunità e prospettive economiche. Altre per scappare a conflitti armati, povertà, mancanza di cibo, persecuzioni, terrorismo o violazioni e abusi dei diritti umani. Altre ancora lo fanno in risposta agli effetti dei cambiamenti climatici, disastri naturali (alcuni dei quali possono essere collegati ai cambiamenti climatici) o altri fattori ambientali. Molti si spostano per una combinazione di queste ragioni.

I larghi movimenti di rifugiati e migranti hanno ramificazioni politiche, economiche, sociali, per lo sviluppo, umanitarie e di diritti umani che oltrepassano ogni confine. Questi sono fenomeni globali che richiedono approcci e soluzioni globali.

Nessuno Stato può gestire da solo questi movimenti.

Serve una più grande cooperazione internazionale per:

• proteggere i diritti umani di tutti i profughi e i migranti, indipendentemente dal loro status. Questo include i diritti di donne e ragazze e la promozione della loro piena, uguale e significativa partecipazione nel trovare soluzioni;

• assicurare che tutti i minori rifugiati e migranti ricevano un’educazione entro pochi mesi dal loro arrivo;

• prevenire e contrastare la violenza sessuale e di genere;

• supportare quei Paesi che salvano, ricevono e ospitano grandi numeri di rifugiati e migranti;

• lavorare per far finire la pratica di detenzione dei minori con lo scopo di determinare il loro status migratorio;

• condannare con forza la xenofobia contro rifugiati e migranti e supportare una campagna globale per contrastarla;

• rafforzare il contributo positivo dei migranti allo sviluppo economico e sociale nei Paesi che li ospitano;

• migliorare l’assistenza umanitaria e allo sviluppo per i Paesi più colpiti, anche attraverso soluzioni finanziarie innovative, con l’obiettivo di colmare tutte le mancanze di fondi;

• implementare una risposta generale sui rifugiati, basata su una nuova cornice che definisce le responsabilità degli Stati membri, dei partner della società civile e del sistema delle Nazioni Unite ogni volta che c’è un grande movimento di rifugiati e una situazione che si protrae nel tempo;

• trovare nuove case per tutti i rifugiati identificati dall’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati come bisognosi di reinsediamento;

• espandere le opportunità per i rifugiati di essere ricollocati in altri Paesi ad esempio attraverso la mobilità del lavoro o programmi di studio;

• rafforzare la governance globale delle migrazioni inglobando l’Organizzazione internazionale per le migrazioni nel sistema delle Nazioni Unite».

Last modified on Giovedì, 01 Febbraio 2018 12:58

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.