Eppure il termine “crisi”, dal greco krino, significa momento di riflessione, di valutazione, di discernimento. Prelude a una rigenerazione possibile.Perché allora connotarlo di tanta negatività? Perché non vivere la crisi con discernimento e speranza? Un esempio lo offre il mondo missionario in Italia, da anni affetto dal calo di vocazioni e dall’avanzare dell’età. Ha osato raccogliere la crisi e farne un esperimento di “Chiesa in uscita”: il primo Festival della Missione. L’evento, proposto con creatività dal giornalista Gerolamo Fazzini e fatto proprio dalla Conferenza degli istituti missionari italiani (Cimi), ... leggi tutto
Entrambi gli avvenimenti ricorrono in ottobre, mese missionario. Il dossier raccoglie le ferite inferte dal connubio Chiesa-potere, sfociato nella protesta della Riforma, a sua volta strumentalizzata da ansie di controllo e rivendicazioni di autonomia. In un’Europa in fermento, Lutero ha inconsapevolmente contribuito al crollo del Sacro Romano Impero, frutto di uno sciame di conflitti che per secoli hanno alimentato astio e sfiducia. Anche fra le denominazioni cristiane. Eppure oggi, dopo 500 anni, la Riforma viene celebrata insieme da tante Chiese protestanti e dalla Chiesa cattolica grazie anche alla “missione”. Il movimento ecumenico è infatti frutto di un disag... leggi tutto
Anche il tempo di “vacanza” è dedicato a “migrare” fuori dalla routine del lavoro, della scuola, e di ogni altra “attività quotidiana” che pervade l’anno. Migrare!Che cosa evoca questo termine?Una risorsa? Un’opportunità? Forse una sfida? O, addirittura, un rischio?Da sempre e ovunque l’umanità è in movimento, con motivazioni e modalità diverse, eppure, per la prima volta, gli Obiettivi di sviluppo sostenibile 2030 associano migrazioni e sviluppo. Il testo, redatto nel settembre 2015, così recita al numero 10.7: «Facilitare la migrazione ordinata, sicura, regolare e responsabile e la... leggi tutto
In principio Dio creò il cielo e la terra. 
La terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l’abisso e lo spirito di Dio 
aleggiava sulle acque. Dio disse: «Sia la luce!». 
E la luce fu. Dio vide che la luce era cosa buona 
e separò la luce dalle tenebre.(Gen 1,1-4) Un passo biblico noto, che accarezza l’immagine di copertina del pittore Adam de Coster: lascia emergere dall’oscurità il volto di una giovane donna del Seicento. La luce della sua candela dissolve, almeno in parte, le tenebre che l’avvolgono. La fiammella è tenue, ma il suo volto è nitido. La donna esce dall’ombra.Una metafora del cuor... leggi tutto
Tutto è connesso: il cosmo e le creature, l’energia e la vita. L’energia, per noi così ovvia, eppure non scontata! Era il dicembre 2006. Bruno, arrivato da Milano a Juba, capitale del Sud Sudan, con grande generosità allestiva il trasmettitore di Radio Bakhita. Con un caldo opprimente e appiccicoso, il lavoro era pesante. Pausa pranzo: in tavola quel poco che c’era in un Paese appena emerso da cinquant’anni di guerra. Bruno, assetato, si riempie il bicchiere dalla caraffa d’acqua che suor Aloisa aveva preparato con cura. Sorseggia con soddisfazione, ma il volto improvvisamente diventa una smorfia: «È calda! – esclama con... leggi tutto
Per ricordare Bakhita, che nel 2000 è stata proclamata “santa” dalla Chiesa cattolica, il giorno 8 febbraio ricorre la Giornata mondiale di preghiera e riflessione contro la Tratta di persone.È stata istituita da papa Francesco nel 2015, perché, come lui stesso ha detto: «La Tratta di persone è la schiavitù più estesa in questo XXI secolo!»Quest’anno la Giornata è dedicata a bambini, bambine e adolescenti, cui la “nuova schiavitù” ruba la vita.Il dossier è dedicato a loro, che ancora oggi subiscono il destino della piccola Bakhita.E, in particolare, all’Africa. Afflitta per secoli d... leggi tutto
La piccola Njeri è un po’ perplessa: che cosa le viene incontro? Osserva.. Con la fronte un po’ aggrottata, è inquieta, ma non spaventata.Un po’ come me. Scruto con perplessità l’anno che inizia: che cosa ci viene incontro? Per il 2017 ci sono tante incognite difficili da decifrare. Nel panorama mondiale, quale alchimia sta preparando Donald Trump? E la “vecchia Europa”, ripiegata sulle sue paure e le sue inerzie, quale orizzonte ci offre?Da mesi in Italia ribollono contrapposizioni distruttive, spesso rilanciate dai media: una frammentazione disordinata.Anch’io, come Njeri, scruto l’orizzonte.Lo faccio da una comunit... leggi tutto

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.