È nato? Era atteso da oltre due anni e non riusciva proprio a venire alla luce. È il nuovo presidente della Repubblica democratica del Congo, il più esteso Paese dell’Africa Subsahariana. Con una superfice di poco superiore a metà dell’Unione Europa, conta 81 milioni di abitanti. Lo scorso 30 dicembre, mentre in Italia l’atmosfera era pervasa di festività natalizie e preparativi per salutare il 2018 con brindisi e fuochi di artificio, nella Repubblica democratica del Congo terminava una lunghissima e accidentata gestazione: dopo due anni di rinvii, la popolazione poteva finalmente esercitare il diritto di voto. Dei 40 milioni di person... leggi tutto
È la prima volta che tante persone, tutte insieme, si mettono in cammino dai Paesi dell’America Centrale per raggiungere gli Usa. In Europa lo aveva fatto nel 2015 la popolazione siriana in fuga dalla guerra. Un esodo di tali dimensioni rivela che ci sono cause strutturali che obbligano la gente a migrare, e allora non è umano chiudere le frontiere e non affrontare le cause.La gente della carovana centroamericana cammina in mezzo a rischi e pericoli, ma sarebbe stato peggio rimanere a casa. A Città del Messico il 4 novembre erano a migliaia: sono rimasti per quasi una settimana nello stadio “Magdalena Mixhuca”, poi hanno proseguito verso nord. Il 25 no... leggi tutto
Il 3 dicembre 2018, il decreto 113/18, noto come Decreto immigrazione e sicurezza, è divenuto legge della Repubblica Italiana. Considerato da molti incostituzionale, il decreto viola i diritti umani e alimenta sentimenti di insofferenza e odio verso i migranti e tutti i “diversi” che chiedono aiuto. Una legge insidiosa, che si esprime in due forme principali:- nascere fuori dall’Italia è una colpa insanabile,- diventare cittadini italiani è pressoché impossibile. Da Palermo a Milano questa legge ha risvegliato l’opposizione dei sindaci che minacciano ribellione e dimissioni se il testo non verrà discusso e rivisto in tempi stretti.... leggi tutto
In Guatemala come avete vissuto il passaggio della “carovana”?Assistere al passaggio di tanti fratelli e sorelle migranti ci ha profondamente commosso. Ci ha fatto rivivere sentimenti di separazione, angoscia, dolore e illusione che noi proviamo in prima persona, perché in ogni famiglia del Guatemala c’è almeno un parente o una persona amica che, con i documenti regolari o senza, ha lasciato il Paese.La carovana, letteralmente un fiume di persone di ogni età, ha attivato una solidarietà sentita e diffusa: famiglie, comunità e organizzazioni si sono mobilitate a soccorrere coloro che transitavano. Impressionante il numero di uomini, donne e... leggi tutto
È tempo di riprendere le fila di iniziative e azioni trasformanti. Anche “Digiuno di Giustizia” riparte: mercoledì 12 settembre, dalle ore 9.30 alle 13.30 a Roma, in Piazza Montecitorio. Le molteplici iniziative che hanno affiancato il piccolo presidio romano si sono articolate con creatività in tanti altri luoghi, con varie iniziative volte a “cibarsi” di informazioni più accurate sulla situazione di coloro che tentano di lasciare la Libia. Di “Digiuno di Giustizia” ne avevamo parlato a luglio, quando la situazione libica non era esplosiva come adesso: per 9 giorni le milizie del terrore hanno precipitato Tripoli nel ca... leggi tutto
“E’ durante il tempo dell’alluvione che bisogna mettere in salvo la semente”. Sollecitati da queste parole che abbiamo evocato attorno alla tomba di don Tonino Bello, profeta di pace e di accoglienza dei nostri giorni, anche noi sentiamo di non poter tacere di fronte ad affermazioni e scelte che minano le fondamenta della dignità umana e della convivenza civile.Insieme ad altre voci che in queste ore si sono levate vogliamo anche noi esprimere la nostra indignazione perché in pochi giorni alcuni Ministri di questo governo hanno provocato un’alluvione di paure, risentimenti, odii e violenze che rischia di travolgere le coscienze di tutti noi: ... leggi tutto
Si chiama Viacrucis Migrante. È la carovana del Movimiento Migrante Mesoamericano che dal 2010 accompagna i migranti fino a Città del Messico, da dove potranno procedere verso il confine con gli Stati Uniti. Non sono messicani, gli uomini, le donne e i bambini che lasciano le loro terre e decidono di emigrare, o almeno, provarci. Provengono dall’Honduras, dal Guatemala, da El Salvador e dal Nicaragua. Molti di loro si mettono in cammino verso nord ignorando l’esistenza di questa carovana, poi solitamente si uniscono quando la incontrano o quando ne vengono a conoscenza. Nonostante le miserie e i pericoli di un “pellegrinaggio” in solitaria verso l&rsqu... leggi tutto
«Abbiamo visitato la città di Agadez, la capitale Niamey e i loro dintorni, accompagnati da persone del luogo membri di associazioni fidate e della Chiesa locale» racconta Laila Simoncelli ai microfoni di Radio Vaticana. «Il Niger è un paese vicino alle nostre vite. Lo conosciamo attraverso gli occhi dei richiedenti asilo, delle ragazze che scappano dalla prostituzione, dei bambini e delle donne. Siamo andati lì per ripercorrere i tratti della migrazione, soprattutto nelle città di Niamey e Agadez, e per portare un messaggio di pace solidarietà, amicizia». Quello che colpisce, dal racconto di Laila, è vedere i giovani ragazzi... leggi tutto
“Vittime” è un termine che non mi piace, indica passività. Sono le “persone” che si sono messe in cammino, che hanno scelto di perseguire un cambiamento, una possibilità. Poi, però, le cose non sono andate per il verso giusto. E se proprio questo termine “vittima” vogliamo usarlo, allora bisogna riconoscerne le varie declinazioni. Si è vittime di pregiudizio, della propria arroganza, della superbia di chi si porta dentro il Dna del colonizzatore; si è vittime del benessere che va sostenuto e alimentato, della paura di chi non ci piace; si è vittime – scusate la retorica – dell’ignoranza. E... leggi tutto
È un periodo di open day, presentazioni delle scuole, panico da iscrizioni. E allora rispuntano puntuali certi discorsi: “se ci sono gli stranieri si resta indietro col programma, non si possono fare gite, ci sono un sacco di problemi…”Ma è proprio così? Vediamo come la pensano due genitori, una mamma e un papà, di una scuola multietnica come la Casa del Sole. Sumaya:Mio marito e io abbiamo scelto il Trotter due volte e prossimamente lo vorremmo fare ancora con il terzo figlio. Ci piaceva proprio l'idea di una scuola nel parco che ha caratteristiche uniche e possibilità che altre scuole non hanno e ci piaceva la pluralità dell'ute... leggi tutto
Pagina 1 di 3

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.