Che significato assume questo primo Sinodo dedicato ai giovani?A mio parere esprime un impegno nuovo del popolo di Dio verso i giovani e con i giovani, improntato anzitutto ad ascoltarli.La metodologia dell’ascolto era già stata avviata da papa Francesco in preparazione al primo Sinodo sulla Famiglia, ma è stata decisamente ampliata e perfezionata e ha garantito un coinvolgimento ben maggiore. Le risposte al questionario che le diocesi hanno inviato sono state molto più numerose rispetto a quelle pervenute per il Sinodo precedente: associazioni, gruppi e movimenti giovanili hanno presentato il loro punto di vista; lo scorso marzo a Roma la riunione pre-sinodale, co... leggi tutto
Immaginare il futuro implica dare attenzione alla moltitudine di giovani in fermento, densi di potenzialità e sprizzanti energia. Questo numero di Combonifem è dedicato a loro, sulla scia dell’iniziativa di papa Francesco che per loro ha indetto il prossimo ottobre un Sinodo dei vescovi: il primo nel suo genere nella storia della Chiesa cattolica.Non si tratta di una giornata mondiale, evento effervescente ma di breve durata, bensì di un tempo prolungato di ascolto e riflessione, per esplorare insieme piste esistenziali.Un “sinodo”, dal greco sýn (insieme)-hodós (via, cammino), è un “cammino percorso insieme” per conosc... leggi tutto
Partire: ma il diritto di muoversi è distribuito in modo ingiusto. Esiste una grande disuguaglianza nel diritto alla mobilità, e il potere dei passaporti coincide con il potere economico e politico dei rispettivi Paesi. Vittime o carnefici?Il bisogno di cercare “lavoro” altrove, ostacolato dalle politiche migratorie di alcuni Stati, è spesso intercettato da reti che ingabbiano le persone in un circuito di sfruttamento. Sono le reti di trafficanti, che a condizioni pesanti vendono documenti, probabilmente falsi, un viaggio transnazionale, spesso lungo e rischioso, e infine dettano le condizioni di lavoro. Il prezzo verrà pagato con il lavoro del &ldqu... leggi tutto
Una giovane famiglia, papà, mamma e tre figli, gusta con grande soddisfazione il tempo della vacanza. Sono appena arrivati dalla Finlandia e sono molto soddisfatti di trovare un bel clima estivo.La sorpresa è che … sono italiani, originari proprio di quella pittoresca riviera ligure tanto apprezzata anche all’estero. Stella, nome fittizio, era insegnante. Il marito, Fabio, altro nome fittizio, era piccolo imprenditore. Il figlio maggiore ha quasi 15 anni, il più piccolo 7.Cinque anni fa la decisione, sofferta e coraggiosa, di lasciare l’Italia: «Lui faceva orari impossibili per tirare avanti la ditta. I figli non li vedeva che alla sera, spesso ... leggi tutto
Nel momento più buio della malattia e della mia vita, mi veniva offerto uno sguardo particolare sulla bellezza, che, nonostante tutto, continua ad esistere nel mondo.Così nel novembre 2014 è nata Bijoux, il mio alter ego, in grado di vivere e far vivere momenti di pura gioia nel dolore, e di inventare storie colorate e sogni di bolle di sapone. Nei primi mesi del 2015 Monica faceva la chemioterapia il martedì, e il sabato o la domenica Bijoux andava in ospedale ad alleviare per cinque minuti la giornata di qualcuno. Essere due persone allo stesso tempo, una malata e l’altra sana, una afflitta e l’altra carica di gioia, mi ha aiutato ad affrontare le te... leggi tutto
Oggi è la giornata dell’Africa. Una ricorrenza in sordina, con un evento alla Farnesina e qualche rara menzione sui media. Così, anche oggi, il “continente nero” è assente dalle cronache. Si ricordano soltanto le vittime dell’ennesimo naufragio nel Mediterraneo. L’Africa, quella subsahariana in particolare, rimane ancora ai margini.Chi la conosce?Già se ne parla pochissimo, e quel poco è pervaso da stereotipi di fame, guerre e miseria. Dal 1963 la giornata dell’Africa ricorre il 25 maggio, fondazione dell'Organizzazione dell'unità africana, rinominata nel 2002 Unione africana. Un cammino di crescita tortuoso per... leggi tutto
È difficile far festa in questo Primo Maggio. Come celebrare la festa del lavoro, quando augurare "buon lavoro" – soprattutto ai giovani – sta diventando imbarazzante, perché è un augurio troppo spesso irresponsabile, in una società che sta distruggendo il lavoro? Che festa è oggi per chi non lavora mai o per chi è costretto a lavorare anche in giorni come questo per consentire i nostri riti consumistici? Eppure, dobbiamo continuare a far festa, anche e soprattutto per chi non può festeggiare. E una festa che celebra conquiste avvenute "dal basso", anche grazie a eventi tragici, ci ricorda che i passi avanti hanno bisogno di consap... leggi tutto
Si dice che l’Italia non sia un Paese per giovani, ma forse, all’interno dell’Unione Europea, lo può divenire. Sebbene i giorni che introducono ai sessant’anni dei Trattati di Roma siano pervasi da affermazioni che lasciano perplesse, le espressioni di fiducia non mancano. Oltre ai muri e alle barricate, anche mentali, che qualche rappresentante dei governi dell’Unione erige, fra cui l’infelice gaffe del presidente Eurogruppo Dijsselbloem, ministro delle Finanze dell’Olanda, e oltre i dati scoraggianti della Fondazione Bruno Visentini sulla situazione dei giovani in Italia ci sono anche note positive. In Italia provengono dai genitori e dai... leggi tutto
Pagina 2 di 2

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.