Il tema, questa volta, sono le presenze in Parlamento. E la situazione, prima di tutto, deve essere risolta internamente. Come scrive Neha Wadekar, infatti, a meno che la Somalia non si impegni a modificare il sistema statale basato sui clan, tutti gli sforzi delle altre nazioni e del mondo intero per rendere la Somalia una nazione stabile e forte, falliranno. È tempo che la Somalia faccia un passo in avanti, per promuovere la presenza delle donne anche nelle posizioni più significative dello Stato. Solo in questo modo esse possono intervenire in politica e promuovere leggi che proteggano e promuovano donne e ragazze. In un villaggio del Jubaland, in Somalia, nella sua ... leggi tutto
Rachel è una bambina malgascia. Quando racconta la sua storia al quotidiano inglese The Guardian ha appena 14 anni. «Era maggio quando alcuni reclutatori sono venuti nel mio villaggio e hanno persuaso i miei a mandarmi a Zanzibar a lavorare da loro. Io ho creduto alle loro promesse, inoltre volevo vedere un posto nuovo e lì c’era il mare». La sua storia di lavoro minorile femminile, ripresa anche da Osservatorio Diritti, è comune a migliaia di altre bambine in Tanzania, a Zanzibar e nel mondo. Lì è iniziato l’inferno. Un incubo fatto di lavoro dall’alba al tramonto, senza alcun compenso, di botte alla minima infrazione, di ri... leggi tutto
Ridurre l’utilizzo di plastica monouso offrendo un’alternativa riutilizzabile ai bioshopper per l’acquisto dell’ortofrutta e aumentare, così, la consapevolezza e la responsabilità dei consumatori. È questo l’obiettivo dell’iniziativa promossa e presentata a Roma da EcorNaturaSì, azienda leader nella distribuzione di prodotti biologici e biodinamici sul territorio italiano, assieme a Legambiente, alla vigilia della Giornata mondiale dell’Ambiente dedicata quest’anno alla lotta della plastica monouso. L’iniziativa, la prima in assoluto sul territorio nazionale, prevede la distribuzione di 100mila sacchetti riutil... leggi tutto
È una triste realtà che nelle situazioni in cui scoppia un conflitto armato, sono i membri più vulnerabili delle società: le ragazze, i bambini, che vengono più colpiti dalle conseguenze della guerra. Le sei violazioni più comuni sono il reclutamento e l'uso di bambini in guerra, uccisioni, violenze sessuali, rapimenti, attacchi a scuole e ospedali e la negazione dell'accesso umanitario. Il 19 agosto 1982, stimolata dalle emergenze in Palestina, l'Assemblea Generale decise di commemorare il 4 giugno di ogni anno come Giornata internazionale dei bambini innocenti vittime dell'aggressione. Spesso le violenze e i soprusi causati dalla guerra non pesan... leggi tutto
Un Paese ancora oggi alle prese con guerre e ingiustizie, ma ricco di sogni, persone, progetti. E proprio attraverso il protagonismo della sua gente, l’Africa può sostenere progetti di sviluppo efficaci. Questo perché La maggior parte dei giovani vive in Africa, Cina e India. In Etiopia, ad esempio, il 45% della popolazione ha meno di 15 anni. Il futuro è di questi popoli! La scorsa settimana, 44 leader africani hanno fatto la storia a Kigali, in Ruanda, firmando l’Accordo africano per la zona continentale di libero scambio (Afcfta). Se tutti i paesi dell’Unione africana (Ua) firmeranno e ratificheranno l’accordo, nascerà una delle pi&ugra... leggi tutto
In un Paese che esporta il 90 per cento del petrolio estratto, da dove cominciare per portare l’energia elettrica ai 198 milioni di persone che vi abitano? Secondo quanto riporta la Thomson Reuter Foundation, è questo l’obiettivo che la Nigeria vuole raggiungere entro il 2030. La stampa Italiana tace, ma oggi, nella Giornata Mondiale della Diversità Culturale per il Dialogo e lo Sviluppo, vale la pena parlarne. Mentre l’UE vara piani per aiutare i migranti “a casa loro”, in Nigeria le donne si rimboccano le maniche, diventano imprenditrici e si propongono per raggiungere obiettivi legittimi e necessari per tutto il Paese. È questo il moti... leggi tutto
In molti paesi la giornata internazionale delle Famiglie è un'opportunità far risaltare i diritti, i doveri, i valori delle famiglie stesse e i loro diversi punti di interesse. Istituita dalle Nazioni Unite nel 1989, questa ricorrenza ispira ogni anno una serie di eventi di sensibilizzazione, incluse le giornate familiari nazionali e, ogni tre anni, l’Incontro mondiale della Famiglia. Il 25 settembre 2015, i 193 stati membri delle Nazioni Unite hanno adottato all'unanimità gli Obiettivi di sviluppo sostenibile: 17 obiettivi volti a eliminare povertà, discriminazione, affrontare la distruzione ambientale e inaugurare un'era di sviluppo per tutti e tutte, ov... leggi tutto
«Abbiamo visitato la città di Agadez, la capitale Niamey e i loro dintorni, accompagnati da persone del luogo membri di associazioni fidate e della Chiesa locale» racconta Laila Simoncelli ai microfoni di Radio Vaticana. «Il Niger è un paese vicino alle nostre vite. Lo conosciamo attraverso gli occhi dei richiedenti asilo, delle ragazze che scappano dalla prostituzione, dei bambini e delle donne. Siamo andati lì per ripercorrere i tratti della migrazione, soprattutto nelle città di Niamey e Agadez, e per portare un messaggio di pace solidarietà, amicizia». Quello che colpisce, dal racconto di Laila, è vedere i giovani ragazzi... leggi tutto
Il Programma alimentare mondiale (Pam) e l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) hanno lanciato un innovativo progetto congiunto per ricostruire i mezzi di sussistenza degli agricoltori nell’est della Repubblica democratica del Congo dando potere alle donne, sostenendo gli agricoltori e aiutando a costruire la pace tra le comunità. Il tutto grazie a un contributo di 35 milioni di euro da parte del popolo tedesco. Il progetto, si legge in una nota congiunta delle due agenzie, mira a fornire una rete di sicurezza per le persone che hanno perso i loro averi nel conflitto che da anni lacera la Repubblica Democratica del Congo. Grazie all&rsquo... leggi tutto
Mentre il mondo ha gli occhi puntati sulla Siria, e sull’incapacità dei potenti della Terra di custodire e difendere la Pace, in altre parti del mondo piccoli passi in avanti vengono fatti sulla difesa dei diritti umani. In Somalia, ad esempio, e in Somalialand, la cosiddetta legge “anti-stupro”, la prima per il contrasto della violenza di genere ha ricevuto il varo della Camera alta del Parlamento e ora attende l’approvazione del Presidente. Una legge necessaria, che Save the Children ha supportato per contrastare i reati a sfondo sessuale fornendo sostegno finanziario e tecnico per sottoporre la bozza della legge all’attenzione dell’autorit... leggi tutto
Pagina 8 di 14

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.