Venerdì, 30 Ottobre 2020 19:39

Il lavoro delle donne da “Pechino” al lockdown

Guardando oggi le foto della Conferenza di Pechino si percepisce il tempo trascorso: la foggia degli abiti e i colori delle immagini rimandano a un tempo lontano. Diversa è l’impressione che si può avere leggendo la Piat-taforma d’Azione allora approvata, che rimane il testo politico più rilevante e tuttora più consultato dalle donne di tutto il mondo

Dal 1995 sembra che nulla sia cambiato per quanto riguarda la parte della Piattaforma d’Azione relativa alla situazione economica delle donne, che continuano a lavorare molto di più degli uomini e guadagnano di meno. Inoltre, «nella maggior parte del mondo le donne sono praticamente assenti o sono rappresentate in misura minima nei processi decisionali economici, inclusa la formulazione di politiche economiche»: questo scrivevano a Pechino, questo abbiamo visto nelle procedure adottate a seguito della crisi sanitaria in atto. Si sono viste poche donne nei vari comitati di “esperti” costituiti per affrontare le questioni relative alla pandemia e ai suoi effetti.

Lavoro invisibile
Se continuiamo a leggere la Piattaforma di Pechino – «Le donne ancora svolgono la grande maggioranza del lavoro domestico e sociale non remunerato, come l’assistenza ai bambini e agli anziani, preparare il cibo, proteggere l’ambiente e fornire assistenza volontaria a persone e gruppi vulnerabili e svantaggiati. Questo lavoro spesso non è valutato...» –, le parole ricalcano anche situazioni che difficilmente si potevano prevedere nel 1995, come quella verificatasi quest’anno. Sappiamo bene, infatti – oggi come allora ‒, che quando si parla del lavoro delle donne entrano in gioco attività svolte anche da quelle, tante, troppe, che un lavoro remunerato non l’hanno, e spesso non per scelta. E non poter contare su un lavoro retribuito espone a particolare debolezza – anche questo è un principio già affermato a Pechino ‒ specie in momenti di crisi personale, familiare o sociale.

Parità bloccata...
In passato era a carico delle donne l’intera organizzazione della vita familiare, anche quando, dalla seconda metà del secolo scorso, molte di più hanno iniziato a lavorare fuori casa. Sappiamo bene cosa questo significasse: alzarsi all’alba per stirare, pulire e avviare i pasti, lasciando liste ordinate delle sequenze da compiere in loro assenza. Non smettere di fare il “lavoro delle donne” era il solo modo per guadagnarsi il diritto di fare il proprio fuori casa. Per tante, ancora oggi, l’emancipazione si è fermata là, al punto che l’unico modo per uscirne è stato pagare un’altra donna per fare, al proprio posto, almeno le faccende. Ciò significa però che solo le donne finiscono, nella maggior parte delle situazioni, per assumere il carico mentale della gestione domestica, oltre a quello del benessere emotivo di chi vive e lavora loro accanto.

Continua...

Last modified on Venerdì, 30 Ottobre 2020 19:42

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.