Lunedì, 31 Maggio 2021 16:14

Ricerca ecumenica, di generazione in generazione

Seguendo l’invito della comunità monastica di Grandchamp, nel 2021 il Segretariato attività ecumeniche (Sae) ha cercato di estendere l’attitudine orante della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani (Spuc) oltre la canonica settimana del 18-25 gennaio. In modalità “da remoto”, riflessioni personali e comunitarie raggiungono Pentecoste, mentre il desiderio di incontrarsi “in presenza” prende forma per la sessione annuale di formazione

Il materiale biblico e liturgico donato dalle monache di Grandchamp (Svizzera) sul tema “Rimanete nel mio amore: porterete molto frutto (Gv 15,5-9)” ha nutrito nei mesi scorsi riflessioni personali e comunitarie confluite nell’itinerario ecumenico Dalla “Settimana di preghiera” a Pentecoste ospitato sul sito del Sae. Si è fatto ricorso allo streaming per avviare il percorso con un commento sul tema della Spuc: lo hanno offerto la pastora battista Cristina Arcidiacono e il parroco ortodosso padre Ionut Radu. Altri commenti sono stati divulgati attraverso il sito.

Da Gesù ebreo...
Nel suo commento al quarto giorno delle letture bibliche della Spuc, il gruppo locale di Verona, segnalando le ascendenze del Padre Nostro nelle preghiere della Sinagoga, ha affermato che «la preghiera cristiana per eccellenza ha le sue radici nella fede ebraica e non poteva essere diversamente, dato che l’ebreo Gesù non poteva che attingere alla fede del popolo al quale apparteneva».
Nel Vangelo di Giovanni, la preghiera di Gesù per l’unità contenuta nel capitolo 17 parte dal nucleo di quelli che il Maestro ha chiamato «amici» e si estende a favore di chiunque crederà per la loro parola, in un’estensione sia spaziale – ebrei e gentili –, sia temporale: ogni creatura umana fino alla fine del mondo. Chi è stato destinatario dell’annuncio evangelico è a sua volta chiamato a restituire quanto ha ricevuto. Impariamo questa catena di trasmissione attraverso lo stesso popolo ebraico che a Pesach (Pasqua) celebra il memoriale della liberazione dall’Egitto, di generazione in generazione, nel rito del Seder nel quale rinnova per le figlie e i figli la narrazione – Haggadah – delle meraviglie compiute da Adonai.

 

Continua...

Last modified on Lunedì, 31 Maggio 2021 16:29

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.