Lunedì, 21 Maggio 2018 19:13

L’acqua che asseta le donne

Il tema dell’acqua e quello delle migrazioni differiscono, ma sono strettamente connessi fra loro e con l’universo femminile. Ne parla Marirosa Iannelli, ricercatrice presso la London School of Economics e specializzata in cooperazione internazionale e gestione idrica

Molti Paesi dell’Africa, del Sud-Est asiatico e dell’America Centro-meridionale sono particolarmente esposti al cambiamento climatico perché non possiedono le infrastrutture necessarie a mitigarne gli affetti. Nelle zone rurali, dove le abitazioni non sono dotate di acqua corrente, sono proprio le donne che provvedono ogni giorno al fabbisogno di acqua per tutta la famiglia. Quando lo stress idrico aumenta, molte più ore della loro giornata sono assorbite da questo compito, che per molte bambine e ragazze compromette il rendimento scolastico o addirittura impone un precoce abbandono degli studi.

Durante il lungo tragitto per il pozzo, il fiume o una fonte, il rischio di essere aggredite è reale. Molte ragazze vengono stuprate. È un problema che stiamo monitorando da qualche anno.

Con la carenza d’acqua, per donne, ragazze e bambine viene meno anche una serie di altri diritti.
Per questo è importante che proprio loro partecipino a contrastare il cambiamento climatico.

L’accordo siglato dalla Cop21, la Conferenza internazionale sul cambiamento climatico svoltasi a Parigi nel 2015, oltre a misure volte a contenere l’aumento della temperatura terrestre prevede anche “misure di adattamento” nei Paesi più vulnerabili: una strategia importante per prevenire che milioni di persone siano costrette all’emigrazione per sopravvivere.

Nelle aree che maggiormente risentono dell’impatto del cambiamento climatico sugli ecosistemi, sono le donne che in grande maggioranza provvedono acqua e cibo.

Continua...

Last modified on Lunedì, 21 Maggio 2018 19:20

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.