Giù le mani dall'informazione Ansa
Martedì, 13 Novembre 2018 21:32

Giù le mani dall'informazione

A Roma l'appuntamento è in piazza Santi Apostoli. A Milano in via Vivaio. In tutte le regioni iniziative per «contrastare la deriva di un linguaggio della politica fatto di insulti e minacce a chi ogni giorno svolge il proprio dovere di informare», anticipa il sindacato.

Giù le mani dell'informazione. I giornalisti italiani si sono mobilitati e ieri erano in piazza in tutte le regioni d'Italia per difendere la libertà di stampa e contrastare la deriva di un linguaggio della politica fatto di insulti e minacce a chi ogni giorno svolge il proprio dovere di informare i cittadini. Attacchi a una categoria di professionisti, ma soprattutto all'articolo 21 della Costituzione e ai valori fondamentali della democrazia, che mettono a rischio il diritto ad essere informati.

Per questo la Federazione nazionale della Stampa italiana e le Associazioni Regionali di Stampa hanno organizzato per martedì 13 novembre, dalle 12 alle 13, dei flash mob nella piazze dei capoluoghi di regione per dire "Basta attacchi ai giornalisti" e "Giù le mani dell'informazione".

A Roma l'appuntamento è in piazza dei Santi Apostoli.
A Milano in via Vivaio, angolo corso Monforte.
Ad Ancona in piazza del Plebiscito.
(Aosta in via di definizione).
A Bari in piazza Libertà.
A Bologna in via IV novembre.
A Bolzano in piazza del Grano.
A Cagliari in piazza Palazzo.
A Campobasso in piazza Municipio.
A Firenze in via Cavour.
A Genova, dalle 17.30 alle 18.30, in largo Lanfranco.
A Napoli in piazza del Plebiscito.
A Palermo in piazza Verdi, davanti al Teatro Massimo.
A Perugia in piazza Italia.
A Pescara in piazza Italia.
A Potenza in via Mazzini.
A Reggio Calabria in piazza Italia e a Crotone in via Giovanni Palatucci.
A Torino in piazza Castello, sotto i portici della prefettura.
A Trieste in piazza Unità d'Italia.
A Venezia davanti la sede del Tribunale, in piazzale Roma.

A sostegno dell'iniziativa della Fnsi, la Federazione europea dei giornalisti ha promosso un flash mob anche a Bruxelles, sempre martedì alle 12, di fronte al Residence Palace. A Londra una iniziativa promossa dai freelance italiani che lavorano per i giornali della capitale inglese era in programma per le 11 ora locale (le 12 in Italia) in Trafalgar Square.

L'hashtag della mobilitazione è #GiùLeManiDallInformazione.

Alla mobilitazione hanno aderito finora: il Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti e gli Ordini regionali dei giornalisti; Usigrai; Anpi; Arci; Articolo21; Associazione Amici di Roberto Morrione; Associazione Carta di Roma; Gaynet Italia; Giornale Radio Sociale; Associazione Giulia Giornaliste; Gruppo Abele; Libera; Libera Informazione; Associazione NoiAntimafia di Ostia; Progressi; Radio Articolo Uno; Rete NoBavaglio; Riforma.it; Ucsi; Ungp; rappresentanti delle istituzioni locali; Cgil, Cisl e Uil del Lazio.

Associazione Stampa Estera: «Solidarietà ai colleghi italiani»
«L'Associazione della Stampa Estera in Italia esprime la propria solidarietà nei confronti di tutti i colleghi giornalisti, italiani e non, che sempre più frequentemente vengono attaccati in Italia e nel mondo. Crediamo fortemente che il nostro lavoro, grazie alle libertà di stampa e di informazione, sia uno dei pilastri della democrazia e, oggi più che mai, vada protetto per il bene delle istituzioni democratiche e di chi, con esse, viene rappresentato». È quanto si legge in una nota dell'Associazione della Stampa Estera in Italia.

Stampa parlamentare: «Attacchi gravi e volgari. Una società sana e democratica si fonda su una informazione libera»
«L'Associazione stampa parlamentare crede che una società sana e democratica abbia come fondamento un'informazione libera. Gli attacchi alla stampa, da qualsiasi parte politica arrivino, non possono che rafforzare queste nostre idee e convinzioni. Ciò riguarda tutti i giornalisti ma soprattutto chi, come noi in tale frangente, è particolarmente esposto a questo genere di attacchi che hanno ormai superato ogni limite di volgarità, sconfinando dal terreno della normale critica. Il fatto che arrivino da esponenti con responsabilità di governo rendono questi episodi ancora più gravi. Per queste ragioni l'Associazione della Stampa Parlamentare aderisce alle iniziative promosse dalla Federazione Nazionale della Stampa in programma per domani in diverse città italiane». Lo afferma, in una nota, l'Associazione stampa parlamentare.

Last modified on Martedì, 13 Novembre 2018 21:44

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.