Perché un Sinodo?L’obiettivo principale, secondo le parole di Francesco, è quello di «trovare nuove vie per l’evangelizzazione di quella porzione del popolo di Dio, in particolare le persone indigene, spesso dimenticate e senza la prospettiva di un futuro sereno, anche a causa della crisi della foresta amazzonica, polmone di fondamentale importanza per il nostro pianeta».Il Sinodo si svolgerà a Roma per far sì che le sue riflessioni superino i confini dell’Amazzonia: devono entrare nel cuore della Chiesa, per renderla cosciente che, per crescere, ha bisogno di ascoltare i popoli indigeni, per sapere come vivono la loro spiritualit&agr... leggi tutto
Condividiamo e sottoscriviamo questa lettera a papa Francesco, accusato di “eresia”. Anche noi “eretici” come te Caro papa Francesco, lo sai bene, visto che ci chiedi sempre di pregare per te: c’è chi vuole screditarti; chi vuole zittirti; chi vuole eliminarti. Chi ti vuole morto. Il problema non è criticarti, visto che chiedi un linguaggio libero, anche a te contrario. Il problema non è la critica, ma lo scatenarsi di una nuova inquisizione incalzante e cattiva. È l'attacco ossessivo. La polemica compulsiva. La condanna predeterminata. Una bella “eresia” Gli ecclesiastici ora ipercritici (un tempo ossequienti a ogni ... leggi tutto
Questo numero è popolato di giovani che marciano a difesa del clima.A loro è dedicato il dossier, che apre con una parola della scienza e continua con tante esperienze di impegno giovanile, fattivo da anni ben oltre gli scioperi globali. Particolare attenzione è dedicata all’Africa, le cui aree tropicali sono particolarmente esposte agli effetti del riscaldamento. Nel 2050 sono previsti 50 milioni di profughi ambientali da quelle terre, ma è ancora possibile arginare il degrado del suolo e l’insicurezza alimentare che ne deriva.C’è speranza! Lo ha dimostrato Wangari Maathai, pioniera della mobilitazione contro il cambiamen... leggi tutto
La scorsa settimana in Vaticano si è svolto un “ritiro spirituale” molto particolare: acerrimi nemici, che dal 15 dicembre 2013 con la loro rivalità hanno distrutto la neonata Repubblica del Sud Sudan, hanno sostato insieme, non per trattare spartizioni di potere ma per vivere la riconciliazione. Due giorni dedicati alla loro “fede cristiana”, professata a parole ma sconfessata nei fatti; un tempo di introspezione e preghiera, per avviare un percorso di guarigione interiore e di conversione. Il “ritiro spirituale” di Salva Kiir Mayardit, Riek Machar Teny, Taban Deng e Rebecca Nyandeng ha inteso alimentare una “trasformazione personale... leggi tutto
Nelle tavole rotonde, qualche volta, sono invitate le suore per parlare di valori, di spiritualità e magari di carità intesa come buonismo. Riesce difficile immaginare che una donna, pure religiosa, possa avere idee sull’economia, sul lavoro, sulla politica, sulla finanza e sull’ambiente. Suor Alessandra Smerilli per due giorni a Bari ha tenuto due convegni in cui ha spaziato a tutto campo sui temi del lavoro, dei giovani, dell’intelligenza artificiale, delle disuguaglianze, dei beni economici all’interno delle relazioni, dell’azzardo, della povertà, del denaro. Suor Alessandra Smerilli è una economista, tra le più ascoltate d... leggi tutto
Terra di grandi numeriEstesa per sette milioni di chilometri quadrati, l’Amazzonia contiene il 34% delle foreste primarie e fornisce l’habitat al 30% della flora e della fauna del mondo. In essa vivono 33 milioni di persone, alcune delle quali non hanno ancora ricevuto l’annuncio cristiano. Per questi motivi è nel cuore dei papi da molti anni, tanto che san Giovanni Paolo II, rivolgendosi alle popolazioni indigene nel 1980 a Manaus, già esprimeva la sua preoccupazione per questa terra. L’attenzione si è mantenuta viva anche durante il pontificato di Benedetto XVI e ha portato Francesco, dopo le indicazioni da lui espresse nell’enciclica Laud... leggi tutto
Pace a questa casa! Con questo augurio raccogliamo i passi del 2018 e iniziamo la sosta di Natale. Ma iniziamo anche a proiettare nuovi passi verso il 2019: sono passi di “buona politica”, per rendere più bella e accogliente la nostra “casa comune”: ogni comunità, quartiere, città, nazione … e l’intero pianeta. Ce ne offre occasione il messaggio di papa Francesco per la Giornata Mondiale della Pace 2019: La buona politica è al servizio della pace. «Quando la politica si traduce nell’incoraggiamento dei giovani talenti e delle vocazioni che chiedono di realizzarsi, la pace si diffonde nelle coscienze e sui volti.&... leggi tutto
Un lustro di aria fresca per la Chiesa.Domani ricorre il quinto anniversario dall’inizio del pontificato del papa “venuto dalla fine del mondo”. Cinque anni di novità e aperture. Cinque anni di papa Francesco, che fin dalla prima apparizione ha saputo rivoluzionare il linguaggio della Chiesa con un semplice “Buonasera”, entrando nel cuore dei fedeli e non solo. Tra le tante rivoluzioni che Francesco ha appoggiato, dall’inizio del suo pontificato, è inaudito il modo in cui sia riuscito a farsi interprete delle istanze più profonde e vitali dell’universo femminile. Gli spunti arrivano dal passato: Giovanni XXIII indicava come &ld... leggi tutto
Sono Silvia Sartori, missionaria comboniana in Perú. Il 19 gennaio Madre di Dio di Puerto Maldonado ha ospitato l’incontro di papa Francesco con i popoli provenienti da moltissime zone della foresta amazzonica, anche del Brasile e della Bolivia. Lí dove si consuma quotidianamente il flagello della distruzione della foresta, dei suoi popoli e delle sue culture; lí dove l’estrazione legale e illegale dei minerali contamina terra e acqua, e alimenta un fenomeno terribile: la tratta di esseri umani, le cui vittime sono soprattutto bambini, bambine e adolescenti; lí dove non vanno i turisti europei, terra di cui non si parla nei media peruviani, proprio l... leggi tutto
Un grido che è partito dal centro dell’Amazzonia ed è arrivato nitido fino a noi. In qualsiasi parte del mondo fossimo, quelle parole ci sono arrivate chiare e forti, hanno oltrepassato la foresta, scosso le terre e i mari. È stata una richiesta forte, premurosa e austera quella di papa Francesco al popolo peruviano. Un discorso rivolto solo al popolo peruviano, o forse al tutto il mondo, quello che implora a “non normalizzare” a non naturalizzare la violenza sostenendo una cultura maschilista che non accetta il ruolo di protagonista della donna nelle comunità. Una richiesta che è impegno e coraggio allo stesso tempo, da parte di tutte e... leggi tutto
Pagina 1 di 3

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.