Una giovane romana, Ginevra Candidi, è la nuova Youth Ambassador di Wave (Women Against violence Europe), la rete europea dei centri antiviolenza. Studi in Scienze Politiche e Master in diritto internazionale e diritti umani conseguita ad Utrecht con una tesi sulla Convenzione di Instanbul, Ginevra crede nel “potere delle parole. Grazie ad esse si può fare la differenza in problematiche come quelle della violenza di genere”. “Le persone della mia età – spiega a B-hop magazine – sono abituate a pensare alla violenza sulle donne come a qualcosa di sbagliato ma anche di ineluttabile. Ecco perché è mia intenzione coinvolgere i gi... leggi tutto
A:Giuseppe ContePresidente del Consiglio dei Ministri Luigi Di MaioMinistro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Egr. Presidente Conte, Egr. Ministro Di Maio, Ci rivolgiamo a Voi, per manifestarVi il nostro convinto rifiuto e la nostra profonda preoccupazione per la proposta del “piano di pace” dell’Amministrazione USA per risolvere la questione palestinese. Il popolo palestinese vive dal 1967 sotto occupazione militare. Le colonie israeliane costruite in Cisgiordania sono illegali, le annessioni delle alture del Golan e di Gerusalemme Est non hanno base giuridica, ma sono dichiarazioni unilaterali, provocatorie e contro la pace. La proposta cancell... leggi tutto
Non si tratta di una ripartenza dopo cento giorni di sosta, di scuole chiuse e di didattica a distanza. Non si tratta di riprendere un cammino passando da una tappa a un’altra di un percorso già segnato. Si tratterà piuttosto di un nuovo viaggio in una terra per certi versi sconosciuta che richiede bussole, mappe, scelte inedite, cautele, coraggio. Quattro attenzioni per iniziare il viaggioUn nuovo viaggio che già dal suo esordio chiede attenzioni, cura e consapevolezze perché i bambini a settembre possano: - ritrovarsi e imparare a stare insieme in modo diverso, abitando tempi e spazi differenti e diffusi, con posture inconsuete e nuove regole da fare pro... leggi tutto
In Italia il riconoscimento del suffragio femminile ha richiesto un impegno estenuante dal 1881 fino al 1945. Ai suoi esordi il movimento femminista italiano non era affatto strutturato né radicato socialmente come quello anglosassone oppure tedesco, piuttosto singole donne avevano avanzato la necessità del suffragio femminile come Anna Maria Mozzoni, Maria Montessori e da parte maschile qualche avveduto politico. Nel 1925 un decreto mussoliniano previsse la possibilità soltanto per le elezioni amministrative, salvo che a livello locale furono i gerarchi a spadroneggiare ed il diritto al voto fu cancellato per tutte-i per un ventennio con la dittatura fascista. A libera... leggi tutto
Il 24 maggio ricorreva la Giornata internazionale delle donne per il disarmo.Ed è una ricorrenza che convoca l'umanità all'ascolto di due verità che dovrebbero stare a cuore non solo ad ogni persona di volontà buona sollecita del bene comune, ma anche ad ogni essere umano che vuole continuare a vivere.La prima verità: che solo la lotta del movimento di liberazione delle donne (alla cui scuola ed alla cui sequela tutti gli esseri umani possono e debbono porsi) libera l'umanità dalla violenza.Semplicemente perché effettualmente, storicamente, concretamente, il potere maschile, l'ideologia maschilista, la prassi maschile fondata sulla violenza, s... leggi tutto
Dal 22 maggio, proprio nella Settimana Laudato si’, è disponibile anche in Italia un’app gratuita che “regala” il creato ai non vedenti.I due eventi non sono collegati, ma l’arrivo in Italia di Seeing AI è un’opportunità nuova per le persone con disturbi visivi. Grazie alla fotocamera dello smartphone, permette loro di vivere l'ambiente circostante in un'esperienza completamente nuova. Leggere, identificare i segnali stradali, riconoscere i volti degli amici, ma anche osservare un paesaggio o riconoscere un animale: sono azioni normali che diamo per scontate. Ma che oggi saranno un po’ più facili per tutti e tutte noi.Il ... leggi tutto
Al Presidente della Repubblica Sergio MattarellaAl Presidente del Consiglio Giuseppe Conte QUALE PRIORITÀ PER L'ITALIA: UN' ECONOMIA DI GUERRA O UN' ECONOMIA PER LA VITA ? "L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali" (art. 11 della Costituzione)“Ripudia” è un'espressione decisa, che non ammette sofismi e compromessi.L'Italia invece continua a dotarsi di sofisticati e costosissimi sistemi d'armi d'attacco. Alcuni esempi: • il Documento Programmatico per la Difesa 2015-17 prevede l’acquisto di 90 F35, cacciabombardieri con capacit... leggi tutto
La Commissione episcopale per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso si unisce con convinzione all’iniziativa promossa dall’Alto Comitato per la fratellanza umana che domani, 14 maggio, invita tutti i credenti a “rivolgersi a Dio ad una sola voce, perché preservi l’umanità” e “la aiuti a superare la pandemia”. Papa Francesco, che ha aderito e ha chiesto di unirsi a questa iniziativa, ha più volte invitato in questo tempo difficile a pregare insistentemente – ricordiamo quella, straordinaria, a San Pietro il 27 marzo – perché il mondo sia liberato dal male e ci sia unità tra i popoli e le nazioni... leggi tutto
In Sudan, le mutilazioni genitali femminili sono un reato.Chi le pratica è punibile con una pena di tre anni di reclusione. Il provvedimento, preso dal nuovo governo di transizione, libererà da questa dolorosa e pericolosa forma di menomazione migliaia di donne. Le Nazioni Unite stimano che, attualmente, circa l’87% delle sudanesi di età compresa tra 14 e 49 anni abbia subito una qualche forma di mutilazione genitale. In Sudan è comune per le donne rimuovere le labbra interne ed esterne della vagina e, di solito, anche il clitoride. Questi interventi, praticati quasi sempre in condizioni igieniche precarie, possono provocare infezioni del tratto urinario, d... leggi tutto
Sconcertano le 261 parole – tante sono, compresa la data - del comunicato stampa della Segreteria generale della Conferenza episcopale italiana, la sera dello scorso 26 aprile, a pochi minuti di distanza dalla conferenza stampa del premier Giuseppe Conte, sulle misure di approccio alla fase 2, per la gestione della crisi da Covid-19. Chi scrive quelle parole rivela non certo il meglio di sé, sul piano delle intenzioni che le agitano e dei contenuti che vogliono trasportare. Il tono rivendicativo di diritti – fosse anche quello sacrosanto della libertà di culto – non viene messo nella sua giusta correlazione con il linguaggio dei dove... leggi tutto
Pagina 1 di 14

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.