Elsie’s Women Empowerment Farm è la prima azienda agricola di proprietà di una donne a produrre cotone biologico in Gambia.“La mia visione era di rivitalizzare la produzione di cotone in Gambia”, afferma Elsie Williams. “Quando avremo successo con questo, molte più persone avranno un lavoro. Mi sono detta che avrei dovuto assumermi la responsabilità di mobilitare altre donne, poiché da sola non ce l’avrei potuta fare”. ‘ Dopo aver ricevuto una sovvenzione dal progetto SheTrades Gambia dell’International Trade Centre, finanziato dall’Opec Fund for International Development e Enhanced Integrated Framework... leggi tutto
Durante la pandemia le disparità di genere in accademia sono emerse in maniera prepotente. Prima se ne è iniziato a parlare come un’ipotesi, legata in particolare alle difficoltà per le donne nel conciliare lavoro di cura e lavoro di ricerca. Poi, lavori sia quantitativi che qualitativi hanno mostrato come le donne con figli, specialmente piccoli, durante il primo lockdown hanno dedicato meno tempo alla ricerca, si sono maggiormente concentrate sulla didattica, con gli squilibri di carriera che questo comporta a lungo termine. Più di recente, sono stati pubblicati anche risultati sull’effetto che la pandemia ha avuto sulle pubblicazioni e sullo svantag... leggi tutto
Un bellissimo esempio di economia circolare ci arriva dalla Kenya. L’imprenditrice Nzambi Matee ha fondato Gjenge Makers, una startup innovativa con sede a Nairobi che cerca di ridurre il grave accumulo di plastica nel paese africano trasformando i rifiuti plastici in materiali da costruzione alternativi, sostenibili, resistenti ed economici. Matee, laureata in scienze dei materiali, è stata ispirata nel lancio della sua attività dal continuo imbattersi nella plastica abbandonata per le strade di Nairobi. La domanda che si pose fu, perché non creare un sistema per rimettere in circolo questi rifiuti evitando che finiscano nel fondo dell’oceano? Così ... leggi tutto
Con grande gioia ci raggiunge, in questi giorni, una bella notizia che riguarda il progetto del cinema di comunità a Veronetta. Un sogno che ora sta per decollare. Il 2 febbraio scorso è stato firmato il preliminare per l’acquisizione dell’ex cinema CIAK da parte dell’Associazione ViveVisioni Impresa Sociale al prezzo complessivo di euro duecentomila da corrispondere in sei anni. Venerdì 5 febbraio sono state aperte simbolicamente le saracinesche del Cinema Ciak. Dal 2 febbraio, il cinema, ribattezzato Ri-Ciak, che sta per ri-generazione e ri-costruzione, è nella disponibilità dei trecento e più soci che hanno aderito all’Im... leggi tutto
Nella Charta Oecumenica, documento firmato a Strasburgo il 22 aprile 2001, le Chiese europee hanno scritto: «Vogliamo contribuire insieme affinché venga concessa un’accoglienza umana e dignitosa a donne e uomini migranti, ai profughi ed a chi cerca asilo in Europa». Sono trascorsi vent’anni. In queste settimane nei Balcani constatiamo come questa volontà sia frustrata. Molti, giustamente, denunciano quella che Johann Sattler, ambasciatore Ue e rappresentante speciale in Bosnia ed Erzegovina, ha definito come una “crisi umanitaria artificiale”. La situazione è ormai nota; essa però non muta. Migliaia di persone continuano a vive... leggi tutto
Per la prima volta nella storia, la Borsa di Parigi sarà guidata da una donna. L’annuncio è stato ufficializzato da Euronext: “Delphine d’Amarzit è stata nominata Presidente e Amministratore Delegato di Euronext Parigi e membro del consiglio di amministrazione di Euronext” dal prossimo 15 marzo. Il gruppo Euronext controlla le borse di Parigi, Amsterdam, Bruxelles, Dublino, Lisbona e Oslo (e da poco anche la Borsa di Milano, un’operazione da 4,325 miliardi di euro). Nata a Saint-Mandé, Francia, d’Amarzit si è laureata nella prestigiosa università di Sciences Po e nella École Nationale d’Administration... leggi tutto
I tiranni temono il poeta/Ora che lo sappiamo/non possiamo tirarci indietro. Chi ha scritto queste parole non può che essere la candidata perfetta per partecipare come poetessa alla cerimonia di insediamento di Joe Biden come presidente. Il suo ruolo (non da poco) è quello di scrivere un componimento che cristallizzi il momento, racchiuda le sensazioni collettive che lo caratterizzano e apra uno sguardo verso il futuro per iniziare degnamente quella che molti sperano sarà una nuova era. Il suo nome è Amanda Gorman, ha ventidue anni ed è la più giovane poetessa inaugurale che si ricordi, prima di lei personalità del calibro di Robert Frost e M... leggi tutto
In un’India piegata da settimane di proteste di milioni di contadini contrari alle riforme agrarie di stampo liberale – imposte dal governo di centrodestra – la giovane Arya Rajendran, 21 anni, rappresentante degli studenti del Partito Comunista Marxista d’India, diventa il Sindaco più giovane del Paese. Arya, infatti, è stata in questi giorni eletta Sindaco di Thiruvananthapuram, Capitale del Kerala, città che conta 745.000 abitanti. Studentessa universitaria di matematica presso l’All Saint’s College della città, Arya Rajendran, componente del Partito Comunista Marxista d’India (CMP) e sostenuta dal Fronte Democratico ... leggi tutto
Ma non abbiamo il Plan. Conte è andato a mani vuote perché non c’è accordo nella maggioranza sulla “governance”, cioè su chi (e come) ha il potere di gestire i miliardi che ci sono stati assegnati, sempre se saremo in grado di presentare una progettazione che preveda le riforme conseguenti, e che convinca l’Ue visto che buona parte sono a fondo perduto. L’Italia poi si è guadagnata da tempo una pessima fama nell’utilizzo dei finanziamenti europei di vario genere perché non è mai riuscita ad accedervi per più del 30 o 40% al massimo. L’accordo si è trovato con Polonia e Ungheria, per le ... leggi tutto
A distanza di un anno dall’entrata in vigore della Legge 69/2019, il cosiddetto ‘Codice rosso’, strumento introdotto per contrastare la violenza di genere, si tirano le somme di quello che ha funzionato e di quello che invece c’è ancora da fare sul tema. “È importante ribadire che il luogo della lotta reale alla violenza di genere non è l’aula di giustizia, ma questo non vuol dire che non debba essere un luogo in cui le donne possano trovare fiducia e sostegno”. Esordisce così, ospite del ‘Festival della violenza illustrata’ di Bologna, Paola di Nicola, magistrata e scrittrice marchigiana che da anni si batte c... leggi tutto
Pagina 1 di 16

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.