Nel vostro Paese, che è come un continente nel grande Continente africano, sembra che la terra intera respiri. Ma se la geografia di questo polmone verde è tanto ricca e variegata, la storia non è stata altrettanto generosa: tormentata dalla guerra, la Repubblica Democratica del Congo continua a patire entro i suoi confini conflitti e migrazioni forzate, e a soffrire terribili forme di sfruttamento, indegne dell’uomo e del creato. Questo Paese immenso e pieno di vita, questo diaframma d’Africa, colpito dalla violenza come da un pugno nello stomaco, sembra da tempo senza respiro. E mentre voi Congolesi lottate per custodire la vostra dignità e la vostr... leggi tutto
Nel 2022 per la prima volta Pax Christi Internazionale, un movimento cristiano per la pace di cui fanno parte anche le Suore missionarie comboniane, ha organizzato un minicorso per le religiose sulla non-violenza come stile di vita. Lo scopo era quello di fornire alle suore una conoscenza critica del principio della non-violenza e della sua pratica, nella speranza che le 13 partecipanti potessero a loro volta diffondere questo messaggio tramite la rete di persone con cui sono in contatto attraverso i loro servizi e ministeri in Sud Sudan. Le speranze di Pax Christi non sono state deluse e il desiderato ‘effetto a catena’ si sta verificando: le 13 suore sono attivamente impegnate... leggi tutto
Il 22 ottobre le partecipanti al Capitolo, affiancate dalle altre consorelle che hanno lavorato dietro le quinte, raggiungono Roma per un incontro con papa Francesco. La solennità della sala Clementina accoglie due stili diversi di vita religiosa: le suore di Santa Brigida, silenziose nell’uniformità del loro abito, e le Suore missionarie comboniane, accomunate solo dal crocifisso che portano al collo ma tutte all’unisono e fuori protocollo nell’accogliere il Papa con il ritornello del canto “Alma misionera”: «Llévame donde los pueblos necesiten tus palabras, necesiten mis ganas de vivir, donde falte la esperanza donde falte la alegr&... leggi tutto
Giorgia, il nome è di fantasia, ha ventiquattro anni ed è originaria di un piccolo paesino della Romania. Oltre alla mamma, viveva con due sorelle più piccole, e in casa si stava male, non c’erano soldi: non si poteva comprare il cibo, non si poteva pagare la bolletta della luce né quella del riscaldamento. E’ arrivata in Italia quando di anni ne aveva solo 14, convinta da alcune persone che credeva amiche che nel Belpaese avrebbe potuto trovare un lavoro dignitoso, prendere uno stipendio e quindi mandare soldi a casa. Solo mentre era in viaggio ha scoperto di essere stata venduta come un oggetto: non era più libera, era diventata la propriet&ag... leggi tutto
A proposito delle dichiarazioni di Papa Francesco sull’aborto. Abbiamo letto le dichiarazioni di Papa Francesco durante il viaggio di ritorno da Bratislava e ci sentiamo chiamate come donne di fede a un pronunciamento pubblico.Nel suo discorso sull’aborto – definito come assassinio: «L’aborto è un omicidio […] è giusto affittare un sicario per risolvere un problema?» – la parola donne non è stata pronunciata e anche in occasioni analoghe egli non ha nominato le donne. Questa omissione rappresenta una reticenza densa di significati dal momento che non si può negare che proprio le “innominate” donne siano... leggi tutto
“Rinnovare l’oikos di Dio”: quest’anno il Tempo del Creato ci propone per tutto il mese di settembre una riflessione sul tema della “casa”, un’opera creata da Dio per alimentare un insieme stupendo e prezioso di relazioni.Non è un caso che ecologia ed economia abbiano la stessa radice oikos. Le nostre reti di “case” sono chiamate a connettersi sempre di più per alimentare giustizia. Troppa ingiustizia dilaga nel Pianeta a causa della crisi climatica. È urgente ascoltare, riflettere e agire!Per questo il segno del Tempo del Creato 2021 è la “tenda”, segno dell’accoglienza di Abramo. Siamo tutti... leggi tutto
Una settimana fa si è concluso il trentatreesimo viaggio internazionale di Papa Francesco da una terra dove il cuore del Pontefice non si allontanerà mai, l'Iraq. Mentre arrivava, all'insegna del motto evangelico "Siete tutti fratelli”, l’Iraq approvava la legge per risarcire le donne yazide stuprate dall’Isis. Secondo Open Global Rights, la legge fornisce importanti misure di compensazione per le vittime compresi risarcimenti, riabilitazione, trattamento medico e opportunità economiche. Inoltre, qualifica espressamente i crimini commessi contro gli yazidi come "genocidio" e stabilisce che nessun responsabile possa essere incluso in un'amnistia. La vi... leggi tutto
In relazione a due sue encicliche, Evangelii gaudium e Laudato si’, nel 2020 il Papa ha promosso due percorsi di riflessione da vivere a livello globale coinvolgendo giovani e adulti insieme: The Economy of Francesco e il Patto educativo globale. Quest’ultimo ha lo scopo di rinnovare la passione di facilitare un processo formativo per «per-sone mature, capaci di superare frammentazioni e contrapposizioni e ricostruire il tessuto di relazioni per un’umanità più fraterna». Il Patto nasce in continuità con l’emergenza additata da Benedetto XVI nella Lettera alla Diocesi e alla città di Roma sul compito urgente dell’educazion... leggi tutto
Alla vigilia del Tempo del Creato, lo scorso settembre, Papa Francesco ha emesso una profonda intenzione di preghiera affinché le risorse del pianeta non vengano saccheggiate, ma condivise in modo giusto e rispettoso. Da sempre l’impegno del papa sull'emergenza climatica non ha eguali. In seguito allo stop e alla ripartenza imposte dalla pandemia si può dire sia addirittura aumentato. Ma è un’impresa che non può compiere da solo. Oggi, soprattutto, ha bisogno dell’impegno di tutti i membri della comunità cattolica mondiale. Nella risposta al coronavirus, i governi hanno investito il doppio dei soldi nei combustibili fossili rispetto alle... leggi tutto
Le religiose dell’Unione internazionale delle superiore generali hanno commentato l’enciclica Fratelli tutti, firmata ad Assisi il 3 ottobre scorso da papa Francesco, in omaggio alla sua fonte ispiratrice: san Francesco. Un testo lungo, articolato in otto capitoli e in cui ricorrono le parole “fraternità” (44 volte) e “solidarietà” (33 volte). Le religiose, attente al linguaggio inclusivo, sottolineano la “sorellanza” e la necessità di aprire il locale all’universale. Il cammino da percorrere è quello della “vicinanza”, della “prossimità”, perché la pandemia ha travolto tu... leggi tutto
Pagina 1 di 5

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

YOUTUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.