Ormai lo ha detto anche l’Organizzazione mondiale della sanità: è pandemia. Il Covid-19, insidioso e ancora poco conosciuto, esige da noi un grande senso di responsabilità per cambiare le nostre abitudini e farlo con convinzione. Raccogliamo con gratitudine la solidarietà espressa ieri in lingua italiana dalla presidente della Commissione europea, la tedesca Ursula Von Der Leyen: «In questo momento, in Europa siamo tutti italiani». Ma ancor più siamo grate per il messaggio di una giovane amica, che appartiene a quella fascia di età che sembra ancora poco incline a raccogliere gli appelli del governo e delle istituzioni: #stateaca... leggi tutto
La Giornata Mondiale di Preghiera (GMP) nasce in un contesto missionario femminile protestate. L’obiettivo è sempre stato quello di donare una testimonianza di fede comune attraverso la preghiera e l’azione concreta nei confronti dei più svantaggiati/e. Le missionarie avevano una chiara visione del male causato dalla colonizzazione occidentale: lo sfruttamento delle risorse, l’impoverimento di intere popolazioni, la distruzione delle culture locali e la forte emarginazione delle donne e dei bambini. La loro preghiera riuscì a valicare grandi distanze geografiche e a rafforzare il loro desiderio di unità. Il loro impegno si concretizzo anche in a... leggi tutto
Il 23 novembre 2017 una sosta particolare: papa Francesco invita a pregare per due Paesi dove la popolazione patisce grande violenza: il Sud Sudan e la Repubblica democratica del Congo. Pregare aiuta anche a “ri-cor-dare”, ovvero “dare il cuore” alle centinaia di migliaia di innocenti travolte da aggressioni efferate. Sono soprattutto donne, ragazze e bambine. L’arma dello stupro è terribile: anche se non uccide annienta. Lo scorso luglio nel solo Sud Sudan migliaia di donne e ragazze sono state stuprate: il rapporto di Amensty International “Non rimanere in silenzio. Le sopravvissute alla violenza sessuale in Sud Sudan chiedono giustizia e ripar... leggi tutto
Non tutti coloro che arrivano in Italia sono sprovvisti di documenti e certificazioni, senza considerare che le cause degli spostamenti migratori possono essere molteplici. Ma dentro al calderone di "migrante irregolare", che nel contesto burocratico equivale a individuo da respingere a tutti i costi, rischiano di essere inserite le vittime di tratta. C’è differenza. Si va a ledere alcuni dei diritti fondamentali di ogni essere umano. Per le vittime della tratta, e contro l’ultima disposizione della Direzione centrale dell’Immigrazione e della Polizia delle frontiere, la giornata internazionale di preghiera in programma l’8 febbraio, diventa un grido di protest... leggi tutto
Donne a fianco di donne in passi di liberazione. È il 1 febbraio: le donne si muovono con armonia nella “sala stampa estera” di via dell’Umiltà a Roma. Preparano il lancio della “Giornata internazionale di preghiera e riflessione contro la Tratta di persone” 2017 e degli eventi che a Roma la precedono. Il Comitato organizzatore è ricco di istituzioni, anche prestigiose, ma la realizzazione è resa possibile anzitutto dalle donne. Quelle dell’Unione Internazionale Superiore Generali (UISG), religiose e laiche, insieme a giornaliste amiche, ci tengono a ribadire l’ampia collaborazione che ha promosso le iniziative, ma la de... leggi tutto

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.