Martedì, 26 Febbraio 2019 21:36

Giornata mondiale di preghiera

La Giornata Mondiale di Preghiera (GMP) nasce in un contesto missionario femminile protestate. L’obiettivo è sempre stato quello di donare una testimonianza di fede comune attraverso la preghiera e l’azione concreta nei confronti dei più svantaggiati/e.

Le missionarie avevano una chiara visione del male causato dalla colonizzazione occidentale: lo sfruttamento delle risorse, l’impoverimento di intere popolazioni, la distruzione delle culture locali e la forte emarginazione delle donne e dei bambini. La loro preghiera riuscì a valicare grandi distanze geografiche e a rafforzare il loro desiderio di unità. Il loro impegno si concretizzo anche in ambito sociale ed educativo con il motto: “Informarsi per pregare, pregare per agire”.

Negli anni sessanta dopo il Concilio Vaticano II anche molte donne cattoliche-romane cominciarono a partecipare alla preghiera e a collaborare alla sua preparazione. La Preghiera delle Donne ebbe una così larga diffusione che ben presto si avvertì la necessità di creare un Comitato Internazionale con la funzione di stabilire regole di lavoro e scegliere i temi e i paesi delle future liturgie. Venne anche stabilita la data della celebrazione: il primo venerdì di marzo.

Ogni anno un gruppo ecumenico di donne prepara la liturgia che viene trasmessa diversi paesi del mondo, oltrepassando confini nazionali e confessionali. Il lavoro di preparazione della GMP richiede tempo e disponibilità di risorse umane e materiali, come una attitudine al dialogo e al confronto. Quest’anno la GMP è stata preparata dalle donne della Slovenia e ha per titolo Venite, tutto è pronto (Lc 14,17).

Il nostro gruppo di donne veronesi vive questo momento come una preziosa opportunità di testimonianza ecumenica. Con il passare degli anni il gruppo è cresciuto e ha coinvolto donne di diversi contesti. Questo ci ha reso consapevoli dei doni che avremmo potuto condividere durante il cammino di preparazione.

La scorsa estate ci siamo ritrovate insieme per riflettere sul passo biblico della Giornata di Preghiera di quest’anno: l’invito al banchetto. In ottobre abbiamo cominciato a cercare materiale per approfondire le nostre conoscenza ed entrare in empatia con le donne slovene. Collaborazione e condivisione hanno permesso di preparare tutto con cura, dai volantini da distribuire al video iniziale sulla storia e la geografia della Slovenia, dal libretto che viene consegnato ai partecipanti, agli oggetti tipici e alle pietanze tradizionali preparate per il momento conviviale.

Un’attenzione particolare è riservata all’ambiente: non vengono usati piatti, posate e bicchieri di carta. Ognuna di noi si fa carico di portare il necessario e di lasciare tutto in ordine al termine della serata. Ogni anno una colletta permette di sostenere un progetto, abbiamo scelto un progetto rivolto a donne vittime di tratta in Slovenia.

Durante il cammino ci siamo rese conto di quanto sia significativa una testimonianza condivisa di preghiera e di come sia possibile fare esperienza dell’amore di Dio. La partecipazione sempre numerosa ci incoraggia sulla strada intrapresa e ci sollecita a diventare sempre di più segno di un rinnovamento possibile nelle nostre chiese per un annuncio condiviso dell’amore di Dio verso tutte/i.

Last modified on Martedì, 26 Febbraio 2019 21:48

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.