Mi chiamo Luisa, e vengo... da tanti posti.Sono nata a Camposampiero (Padova), ma per lavoro mi sono poi piacevolmente spostata per tutta la provincia: Rubano, Cadoneghe, Padova città e alla fine anche a Cinto Euganeo. Questo è importante?In fondo sta tutto in un raggio di 50 chilometri. Bazzecole per chi pensa alle distanze africane!Ma la cosa carina che ho imparato è che ogni luogo è speciale. È una mistura di gente, storia e natura; e bisogna aver la pazienza di saperlo ascoltare. Sono un’educatrice, ormai da un po’, e ho la fortuna di lavorare per una cooperativa che mi ha chiesto di cambiare molto spesso mansione. Attualmente lavoro molto ... leggi tutto
Abbiamo avuto una campagna elettorale in cui partiti e governi nazionali hanno parlato poco di Europa. Non solo in Italia, ma un po’ dappertutto i temi della politica nazionale si sono spesso imposti su quelli della politica europea. Ciò conferma, ancora una volta, che la politica, finché resta solo nazionale, cerca il consenso dei cittadini sulle questioni interne, prospettando soluzioni solo in questo quadro, anche per problemi che sono europei e mondiali. In tal modo la politica tiene i temi europei, sui quali si decide il nostro futuro, lontani dalle decisioni dei cittadini. Per poi poter dire che «l’Europa non ci aiuta». La società civileLa ... leggi tutto
Ogni anno 570 mila tonnellate di plastica finiscono nelle acque del Mediterraneo.L'equivalente di 33.800 bottigliette di plastica gettate in mare ogni minuto. «Se i Paesi non adottano soluzioni concrete ed efficaci, entro il 2050 l'inquinamento da plastica nell’area mediterranea quadruplicherà. Urge un Accordo Globale per fermare questa emergenza». È il Wwf che alza la voce. Proprio in questo periodo dove il mare, la natura, le vacanze sono al centro dei nostri pensieri, è importante ricordare che la salvaguardia di questi luoghi parte prima di tutto da noi. Il nuovo report 2019 del Wwf, Fermiamo l’inquinamento da Plastica: come i Paesi del Medi... leggi tutto
Fondata nel 1956, la Lcwr conta oggi circa 1.350 membri, in rappresentanza dell’80% delle circa 49.000 religiose negli Usa. Tra i principali scopi del loro programma d’azione vi è la collaborazione, all’interno della Chiesa cattolica come nella società in generale, per la trasformazione sociale e di sistema.Il loro modo di porsi, così profondo e al contempo così semplice, la dice lunga sulla qualità del loro obiettivo. A loro poco importa la divisa che una congregazione indossa, conta piuttosto la sua disponibilità a creare luoghi che facciano la differenza, per il bene comune di tutte e tutti: vicino a casa o al di là dei ta... leggi tutto
È vissuta da famiglie, comunità religiose e singoli che ospitano e accompagnano tanti e tante richiedenti asilo; è garantita dalle associazioni di giuristi e dagli sportelli legali che prestano assistenza gratuita a chi ne ha bisogno; è offerta dalle centinaia di ambulatori che curano chi non ha accesso ad altre tutele sanitarie. È anche intessuta dagli enti che organizzano corridoi umanitari o si attivano a livello internazionale per alleviare la sofferenza di migliaia di migranti forzati privati della loro dignità.Da qualche mese questa solidarietà affianca anche coloro che il decreto sicurezza e certi comportamenti istituzionali hanno messo... leggi tutto
Le iniziative studentesche note come #FridaysForFuture (venerdì per il futuro) si sono spinte ben oltre gli iniziali confini svedesi: nei cinque continenti, settimanalmente, migliaia di giovani disertano le aule scolastiche e organizzano sit-in e lezioni pubbliche sulle conseguenze dei cambiamenti climatici e sulle responsabilità che il genere umano dovrebbe assumersi.Questa mobilitazione globale ha visto protagonisti anche numerosi e numerose giovani di fede cattolica che già da tempo, in tutto il mondo, lavorano per promuovere la giustizia sociale e climatica nelle rispettive comunità. Fanno rete tra loro e cercano di inserire questi temi nelle agende politiche ... leggi tutto
Quale legittimità?A che serve votare per i propri rappresentanti all’Europarlamento se il presidente della Commissione è “nominato”?Dal 2014, per colmare il deficit democratico sofferto dall’Ue, i principali gruppi all’interno del Parlamento hanno adottato il metodo dello spitzenkandidat, ovvero il candidato di punta, con il quale è possibile votare quasi direttamente il presidente della Commissione europea. Questa legittimità democratica, che prima mancava al governo dell’Unione e per la quale essa è stata paragonata a “un covo di tecnocrati” non eletti da nessuno, risulta essenziale. Due istituzioni sovranaz... leggi tutto
Oltre il trauma del rifiutoI nostri primi giorni in terra d'Africa li abbiamo trascorsi nella capitale dell'Etiopia, Addis Abeba, presso la casa delle comboniane. Vi abbiamo incontrato il responsabile delle comunità, suor Veronicah Wangui, e le suore che si sono occupate di un progetto di prima accoglienza riservato a ragazze madri. Per i tabù culturali e per la loro giovanissima età, viene ripudiato dalla propria famiglia e anche dal compagno, e vivere una gravidanza molto sofferta. Per questo il percorso offerto nella casa di accoglienza è stimolato l'istinto materno e di cura. Benché rifiutati dai loro congiunti, imparano a gestire autonomamente la propr... leggi tutto
È la consapevolezza che le risorse del pianeta sono limitate, come limitate sono le sue capacità digestive rispetto ai rifiuti. È la convinzione che non siamo “padroni” bensì “custodi” della natura, con la responsabilità di proteggerla affinché le generazioni future possano trovare accoglienza in un pianeta vivibile. È l’impegno a organizzare l’intera economia, dalla produzione al consumo, all’insegna della parsimonia, in modo da ridurre al minimo il consumo di risorse e la produzione di rifiuti. ParsimoniaIn un sistema tutto basato sul consumismo, la parsimonia stenta a farsi strada, ma i cambiamenti... leggi tutto
Sono 70 donne giudici, avvocatesse e procuratrici. Arrivano da Angola, Benin, Botswana, Capo Verde, Etiopia, Ghana, Kenia, Malawi, Marocco, Mozambico, Niger, Nigeria, Senagal, Sierra Leone, Tanzania, Tunisia, Uganda, Zambia, ma anche da Pakistan e Stati Uniti. Lo scorso 12 e 13 dicembre erano in Vaticano, nella sede della Pontificia Accademia della Scienze, per partecipare al summit contro la tratta degli esseri umani. Per condividere esperienze e studiare strategie in grado di arginare questa piaga moderna e aiutare le vittime a vivere una nuova vita sociale. Sin dall’inizio del suo pontificato, Papa Francesco ha chiesto all’Accademia di occuparsi e studiare la questione del t... leggi tutto
Pagina 1 di 2

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.