Martedì, 31 Gennaio 2017 16:37

Repubblica democratica del Congo: Il paradosso

Qui il reato di Tratta non è contemplato. Eppure il Global Slavery Index 2016 stima che nel Paese circa 873mila persone siano vittime di Tratta, collocandolo al primo posto nell’Africa subsahariana

La Costituzione vieta i bambini soldato, che comunque proliferano, e il reato di violenza sessuale è talvolta addotto per perseguire la Tratta per sfruttamento sessuale.

Il rapporto Unodc 2016 si limita a indicare un migliaio di bambini e bambine soldato reclutati nell’esercito e nei vari gruppi armati che funestano la regione orientale del Paese.

Altri organismi hanno denunciato ulteriori forme di Tratta. Dati raccolti nel 2012 in tre zone minerarie del Kivu, riportati da Free the Slaves nel rapporto investigativo di giugno 2013 Congo’s Mining Slaves, hanno evidenziato un’alta percentuale di condizioni di schiavitù nelle miniere. Ben 866 persone su 931 intervistate risultavano in condizioni di lavoro schiavo e il 23% erano minori costretti a lavori pesanti e rischiosi.

Nei cunicoli più stretti per estrarre il coltan lavorano bambini. Le bambine trasportano i materiali estratti e spesso fanno servizio nei locali attorno alle miniere. Molte hanno già la schiena deformata.

Last modified on Martedì, 31 Gennaio 2017 16:50

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.