Giovedì, 31 Gennaio 2019 16:24

Accoglienza che rigenera


La nave Sea Watch 3, con il suo carico di 47 migranti esausti, è giunta questa mattina al porto di Catania. Ma non poteva attraccare subito nel molto più vicino porto di Siracusa?

Comunque la penosa odissea è finita e rimane da apprezzare il gesto della popolazione e degli albergatori di quella città. Oltre agli striscioni «Fateli scendere» che ornavano finestre e terrazze, Giuseppe Rosano, presidente dell’associazione Noi Albergatori Siracusa aveva indirizzato una lettera alle autorità: «Si assumerà oneri e costi per avviare i 47 migranti all’apprendimento della lingua italiana, di assicurare ai minori non accompagnati una collocazione qualificata, per individuare le attività più opportune e le modalità di svolgimento per soddisfare il superiore interesse del singolo minore. E ancora, l’insegnamento della Costituzione italiana, la frequenza di corsi di addestramento per avviarli successivamente alle attività lavorative tipiche dell’albergo e all’assunzione con contratto stagionale, nel rispetto del Contratto collettivo del lavoro per le aziende alberghiere».

A Siracusa offrivano un’accoglienza capace di rigenerare, come quella avviata a Riace nel luglio del 1998 e bruscamente interrotta il 2 ottobre 2018 con l’arresto del sindaco Domenico Lucano. Dal 17 ottobre è stato rilasciato, ma con “divieto di dimora” nel suo stesso paese: oggi è lui stesso un “profugo”.

Per far tesoro di ogni “accoglienza che rigenera” e comprendere appieno quanto offre per costruire comunità umanizzanti, a Verona, il 5 febbraio 2019 ore 20,30, nella chiesa di San Nicolò all’Arena, Mimmo Lucano racconterà come l’accoglienza dal basso può ancora rigenerare. Sarà con lui il missionario comboniane Alex Zanotelli.

Un’occasione da non perdere per approfondire le sfide e le opportunità di gestire al meglio le migrazioni.

Si parlerà anche della campagna “Riace Riparte”, volta a sostenere le iniziative virtuose di accoglienza che la Legge Salvini sta smantellando insieme agli Sprar.

Non mancate!

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.