Giovedì, 06 Giugno 2019 15:45

Sudan: il sogno infranto di Alaa

La soddisfazione pervadeva le piazze e le strade: la protesta popolare in Sudan, pacifica e determinata, aveva prevalso e il presidente-militare Omar al-Bashir, che dal 1989 governava il Paese con pugno di ferro, era stato deposto dal suo stesso esercito.

Le manifestazioni erano dilagate a metà dicembre 2018, innescate dal precipitare della situazione economica: il rincaro di pane e carburante erano diventati insostenibili.

Nei mesi di protesta, le vittime civili erano state almeno una cinquantina, ma il 12 aprile la gente poteva celebrare: la democrazia sembrava a portata di mano, e Alaa Salah, la giovane studentessa di ingegneria che esortava la folla a resistere, era diventata il simbolo di quella pacifica rivoluzione.

Il Consiglio militare di transizione, una volta assunto il potere, ha fatto promesse per il futuro, ma il sit-in della gente è continuato, ostinatamente: settimana dopo settimana chiedeva garanzie per elezioni “vere” entro 3 anni.

Purtroppo, il 3 giugno 2019 il sogno di Alaa, e tante e tanti giovani come lei, si è rovinosamente infranto: quel sit-in pacifico, che chiedeva ai militari di realizzare passi di democrazia, è stato disperso con inaudita violenza.

Internet e altri canali di comunicazioni sono stati bloccati, ma la tragedia è trapelata comunque in tutta la sua brutalità. Cina, Russia e Kuwait hanno bloccato la condanna dell’Onu, rilanciata da Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito e Svezia.

Le vittime sono già un centinaio, a decine ripescate nel Nilo, e molti di più risultano i feriti.

I loro nomi e i loro volti sono anche quelli delle donne che il 12 aprile scorso cantavano la speranza di un sogno.

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.