Venerdì, 05 Maggio 2017 06:48

L'umanità che fa bene

Fra le polemiche che imperversano sulle affermazioni del pm di Catania, Carmelo Zuccaro, circa la possibile relazione fra trafficanti di persone e alcune ong, invitiamo ad una sosta.

I salvataggi in mare dovrebbero costituire un’eccezione; quando diventano strutturali rivelano una disfunzione. Ai corridoi umanitari, che sottraggono profughi ai trafficanti, accedono a livello mondiale appena ottocentomila persone, su oltre venti milioni di migranti.

Mancano strumenti legislativi adeguati per gestire in modo positivo le migrazioni, che non sono un fenomeno transitorio. Per questo è da apprezzare la campagna Ero straniero – un’umanità che fa bene.

Dal 18 al 22 aprile, la Famiglia comboniana ha sostato sulle migrazioni in Europa. Condividiamo alcune riflessioni emerse dai partecipanti:

- Le migrazioni sono una sfida ma anche una risorsa: sono un invito ad andare oltre le rappresentazioni umane, sociologiche, ‘cristiane’, ecclesiali e missionarie che hanno finora caratterizzato l’Europa.
- I migranti aprono un tempo di ‘crisi’ che, seppur sofferta, ci apre ad un nuovo modo di vivere; insieme a loro possiamo rigenerarci in “un nuovo popolo”.
- Noi, missionari e missionarie, ci sentiamo incoraggiati a rendere le differenze spazi di incontro e di reciproca trasformazione, cominciando col mettere in discussione il nostro stile attuale di vita.

Anche sant’ Agostino visse le migrazioni del suo tempo con senso di paura e rifiuto. Però intuì che lo spostamento di popoli dentro i confini dell’Impero Romano non era accidentale. Era un evento epocale, che inaugurava una nuova era di cui non si poteva ancora intravedere i contorni, ma che era pur sempre guidata dalla mano provvidente di Dio.

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.