La cultura sferica dell'Amazzonia askanews
Sabato, 05 Ottobre 2019 13:34

La cultura sferica dell'Amazzonia

Inizia il Sinodo che parte dall’Amazzonia, che parla di ecologia, che include le donne. Ma infondo le esclude.

Si è aperto ieri con una santa messa in Vaticano, il Sinodo dei Vescovi per l'Amazzonia.
Coinvolti vescovi e diaconi di nove paesi: Bolivia, Brasile, Colombia, Ecuador, Perù, Venezuela, Suriname, Guyana e Guyana francese.

E anche sta volta, per le donne, sarà per la prossima volta.
Un Sinodo che si appresta a discutere, tra le altre cose, l’introduzione di veri e propri ministeri femminili.
Ma senza il parere delle donne che dovrebbero accoglierli.

L'obiettivo è quello di seguire l'esempio delle comunità paoline, animate anche da diacone, profetesse e apostole. È evidente quindi che si percepisca una volontà di cambiamento, ma se la riforma sarà attuata, le dirette interessate, le donne, non avranno avuto voce in capitolo. O meglio, non avranno avuto la possibilità di votarla.
In questo sinodo, come nei precedenti.

Si parte dall’Amazzonia. Il polmone verde del mondo ha qualcosa da darci e da dirci? O è soltanto un bacino di risorse del suolo e del sottosuolo? Si può vivere l’Amazzonia con e nella cultura occidentale?

Uno dei temi sarà l’ecologia integrale del creato, in cui tutto è in relazione. Sarà al contempo una contestazione degli interessi economici, della deforestazione indiscriminata, della contaminazione di fiume e laghi, fino ad arrivare allo sfruttamento e ai problemi che arreca il narcotraffico.

Una presa di posizione radicale da parte del Vaticano, che prende a cuore le tematiche ambientali e affronta con coraggio i danni irreparabili al bene comune causati dall’incuria dell’uomo.

Per entrare davvero nel mistero Amazzonia c’è oggi un lavoro eccellente di Lucia Capuzzi e Stefania Falasca: un’altra competenza femminile che dovrebbe avere voce in capitolo in questo Sinodo. Questo libro, Frontiera Amazzonia. Viaggio nel cuore della terra ferita spiega benissimo come e perché la Chiesa di Francesco deve attivarsi.

“L’Amazzonia – scrivono le autrici – non è un altro mondo, lontano ed esotico. È lo specchio del nostro. Ed è una questione di vita o di morte. Nostra, loro di tutti”.

E questo sinodo dovrebbe portarci al cuore della riforma di Francesco: rendere la Chiesa plurale per consentirle di promuovere uno sviluppo umano sostenibile, un’ecologia integrale capace di prevedere una globalizzazione che rispetta i popoli e le loro culture. Una cultura non uniformante, ma “sferica”, che ci rende tutti uguali.

Last modified on Sabato, 05 Ottobre 2019 15:06

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.