Giovedì, 28 Gennaio 2021 20:18

Un anno carico di attese

Che cosa ci riserverà il 2021? Sarà l’anno decisivo per emergere dalla pandemia con un respiro di vita nuovo, capace di rispettare i delicati equilibri della Terra?
Quali scelte di conversione socio-ecologica saremo capaci di fare concretamente, rinunciando a tante piccole abitudini quotidiane che avvelenano l’ambiente, da quelle alimentari a quelle di mobilità?
Che attenzione daremo al riuso e al riciclo?
E quanto tempo dedicheremo a coltivare con ogni essere vivente relazioni rispettose?

Bergamo / “Creazione” in tempo di pandemia
Siamo Elena e Walter di Comenduno, provincia di Bergamo, sposati da 38 anni, con tre figli e tre nipotini. Per diversi decenni ci siamo impegnati nell’oratorio della nostra parrocchia e dopo la pensione siamo diventati volontari presso le Suore missionarie comboniane, vivendo anche dei periodi con loro a Gerusalemme, sotto il muro che divide israeliani e palestinesi.

Durante il lockdown, leggendo la rivista Combonifem abbiamo scoperto che i cattolici già da tempo erano impegnati nella salvaguardia del creato. Questo tema ci ha subito affascinato perché, come famiglia, da diversi anni avevamo scoperto l’importanza e la bellezza di vivere a contatto con la natura. Oltre a coltivare l’orto e allevare qualche gallina, ogni tanto ci rechiamo in montagna a tagliare l’erba con la falce per fare il fieno. Sono momenti di immersione nella natura che ci fanno sentire parte integrante di essa. Poter assaporare il profumo dell’erba e della terra, e nel silenzio del bosco ascoltare il vento e il canto degli uccelli, è un’esperienza bellissima: vi percepiamo la presenza di Dio.

Quando, marzo 2020, abbiamo deciso di partecipare al corso per Animatori Laudato si’, il silenzio aveva pervaso anche la bergamasca, interrotto solo dal suono delle ambulanze e delle campane a morto. Era uno scenario che mai avremmo immaginato. Questo ci ha fatto riflettere: «Dove stiamo andando? Com’è che non siamo più “padroni” del nostro futuro?». Abbiamo compreso che il tema del Creato deve essere affrontato in modo concreto, perché il covid-19 è in parte frutto di uno stile di vita malsano.

Partecipare al corso per Animatori Laudato si’ ci ha rivelato che tante altre persone sono sensibili a queste tematiche, anche in un’ottica di fede, e ci ha dato la possibilità di approfondire l’enciclica di papa Francesco: ognuno di noi deve sentirsi “custode” del Creato e le comunità cristiane devono assumere stili di vita che realizzino una “conversione ecologica”. In tal modo impariamo a prenderci cura della Casa comune e ad ascoltare il grido dei poveri, che sono i primi a subire gli effetti disastrosi della crisi ambientale, che è anche crisi sociale.

Dopo aver concluso il corso, abbiamo incoraggiato alcuni amici della parrocchia a partecipare a quello successivo: così il gruppo si è allargato. Attualmente siamo in sette e abbiamo “creato” il Circolo Laudato si’ di Comenduno.

Dopo esserci incontrati tra noi e aver consultato Antonio Caschetto, referente in Italia del Movimento cattolico globale per il clima che organizza i corsi per animatori, abbiamo proposto alla nostra comunità una giornata di preghiera e riflessione in riva al fiume Serio dal titolo “La Terra ci benedica!”. Una domenica di settembre abbiamo percorso a piedi un tratto di pista ciclabile: abbiamo pregato e contemplato la natura attorno a noi, ringraziando per l’erba, per gli alberi e per l’acqua. La partecipazione è andata al di là delle aspettative: più di 140 coloro che hanno aderito, tra cui diverse famiglie con bambini e ragazze. Alcune persone si sono addirittura aggregate mentre passeggiavano per conto loro sulla pista ciclabile. Abbiamo concluso con la “messa nel verde” e il nostro parroco, don Alfio Signorini, ci ha spronato a dar seguito a questa iniziativa, per impegnarci con piccole scelte quotidiane a favore del Creato.

Così abbiamo “creato” un’attività a cadenza mensile: “Le passeggiate di preghiera e contemplazione”. Da una chiesetta del paese ci inoltriamo nel territorio alternando silenzio, preghiera e contemplazione della natura. La partecipazione è stata buona, ma il nuovo lockdown ci ha impedito di continuare. Però, da persone desiderose di difendere la natura continuiamo a raccogliere adesioni al Circolo LS di Comenduno, e Stefano, anche lui del Circolo, attraverso il notiziario parrocchiale sensibilizza la comunità cristiana alla “cura del Creato” e la aggiorna sulle iniziative che realizzeremo. In futuro sarebbe bello collaborare con altri Circoli.

È poca cosa, ma è la nostra risposta, molto concreta, all’enciclica di papa Francesco: prendiamo coscienza che sulla Terra noi siamo ospiti e non padroni. E, vivendo in armonia tra di noi e con il Creato che ci avvolge, possiamo gustare meglio l’amore di Dio, padre e madre, che abbraccia e alimenta ogni vivente.

Elena Noris e Walter Piccinini

Last modified on Giovedì, 28 Gennaio 2021 20:25

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.