Martedì, 18 Maggio 2021 16:34

Istituzioni religiose: "disinvestimento dai combustibili fossili e una giusta ripresa"

Mentre i leader mondiali si preparano a incontrarsi al vertice del G7, altre 36 istituzioni religiose annunciano il disinvestimento

Lunedì 17 maggio, 36 istituzioni religiose di 11 paesi hanno annunciato il loro disinvestimento dai combustibili fossili. Sono istituzioni provenienti da: Brasile, Argentina, India, Filippine, Uganda, Italia, Spagna, Svizzera, Irlanda, Regno Unito e Stati Uniti.

L'annuncio arriva dalle istituzioni anglicane, cattoliche, metodiste, presbiteriane e battiste, tra le tante altre. Il gruppo include la Chiesa del Galles, con più di 700 milioni di sterline (975 milioni di dollari) di asset in gestione, che ha votato per il disinvestimento dai combustibili fossili durante la riunione del consiglio direttivo di aprile. Tra queste anche le diocesi di Bristol e Oxford, le prime della Chiesa d'Inghilterra ad annunciare il loro disinvestimento dai combustibili fossili, oltre ad altre sette diocesi cattoliche del Regno Unito e dell'Irlanda e diversi ordini religiosi di tutto il mondo.

L'annuncio del disinvestimento globale, che avviene mentre il Regno Unito si prepara a ospitare il vertice del G7 a giugno e il vertice delle Nazioni Unite sul Clima (COP26) a Glasgow a novembre, dimostra la leadership delle organizzazioni religiose che sottolineano l'urgente necessità di disinvestire dai combustibili fossili come alternativa pulita in risposta alla crescente crisi climatica.

Poiché i governi di tutto il mondo continuano a investire somme significative in pacchetti di ripresa economica, è fondamentale che tali investimenti supportino una ripresa da Covid-19 giusta ed ecologica. Tuttavia, come hanno affermato le Nazioni Unite, solo il 18% della spesa per la ripresa da Covid-19 annunciata dalle 50 maggiori economie mondiali nel 2020 può essere considerato verde. I governi hanno fornito un considerevole sostegno finanziario all'industria dei combustibili fossili nei propri pacchetti di recupero post Covid-19.

L'annuncio arriva un giorno prima dell'inizio dell'AGM della Royal Dutch Shell, martedì 18 maggio.
Shell è stata sottoposta a notevoli pressioni a causa dei suoi piani per aumentare la produzione di gas del 20% nei prossimi anni. La Chiesa metodista ha annunciato di aver ceduto le sue rimanenti quote di partecipazione ai combustibili fossili alla fine di aprile 2021, inclusi 21 milioni di sterline (29 milioni di dollari) di azioni della Royal Dutch Shell, considerando "inadeguati" i suoi piani climatici.
A febbraio, la Corte Suprema del Regno Unito ha consentito a un gruppo di 42.500 agricoltori e pescatori nigeriani di citare in giudizio la Shell nei tribunali inglesi dopo anni di fuoriuscite di petrolio nella terra e nelle acque sotterranee del delta del Niger contaminate. Il governo britannico sta affrontando una sfida giudiziaria per la sua controversa decisione di fornire $ 1 miliardo a un massiccio sviluppo di gas naturale liquefatto (GNL) gestito dalla compagnia petrolifera francese Total in Mozambico.

Il Reverendo Ernesto Manuel, Vescovo anglicano di Nampula nel Mozambico settentrionale, ha dichiarato: “Gli investimenti in combustibili fossili aggravano il cambiamento climatico e gli impatti sui più vulnerabili e destabilizzano anche le comunità. Abbiamo visto come sono state sfollate oltre 700.000 persone nel Mozambico settentrionale, molte delle quali sono fuggite per salvarsi la vita, terrorizzate dai ribelli. Decine di persone sono state decapitate, anche bambini di 12 anni. Questa violenza si verifica solo nelle aree in cui è in corso la prospezione del gas. La gente del posto non viene consultata e non ne trae alcun beneficio, subisce solo gli impatti dell'aumento dei prezzi, dell'inquinamento e della perdita di terra. Chiediamo alla comunità internazionale di prendere il denaro destinato ai combustibili fossili e investirlo in energie rinnovabili, che sono decentralizzate, avvantaggiano le persone locali e non contribuiscono al cambiamento climatico".

L'annuncio avviene durante la Settimana Laudato Si’ , una celebrazione dei progressi compiuti dalla Chiesa cattolica romana nel suo cammino verso la conversione ecologica dopo l'enciclica di Papa Francesco sui cambiamenti climatici e l'ecologia.

Le comunità di fede sono state a lungo in prima linea nel movimento mondiale di disinvestimento e hanno contribuito con il maggior numero di impegni. Su un totale globale di oltre 1.300 impegni di disinvestimento intrapresi fino ad oggi, più di 450 provengono da istituzioni religiose. È possibile trovare un elenco completo delle 36 istituzioni che hanno disinvestito dai combustibili fossili e le dichiarazioni dei propri leader qui.

Il Movimento Cattolico Mondiale per il Clima sta organizzando un webinar dal titolo Dialogo Laudato Si’ su Energia e Combustibili fossili Mercoledì 19 Maggio alle 15.00 (CEST), con relatori quali Bill McKibben, il Cardinale Jean-Claude Hollerich e il Vescovo of Limerick, Brendan Leahy. Bill McKibben interverrà anche al webinar interreligioso di Green Faith Mercoledì 19 Maggio alle 12.00 (ET) e alle 19.00 (ET).


Dichiarazioni dei leader:
Il Rev. dott.ssa Joanna Penberthy, vescovo di St Davids nella Chiesa del Galles, ha affermato: “Ogni parte del mondo sta ora subendo gli effetti del cambiamento climatico. Alla nostra riunione del Consiglio Direttivo in aprile, la Chiesa del Galles ha dichiarato un'emergenza climatica, si è impegnata a raggiungere idealmente zero emissioni di carbonio entro la fine di questo decennio e ha preso la decisione di disinvestire dai combustibili fossili entro la fine dell'anno. Sebbene queste decisioni siano un importante passo avanti per noi, riconosciamo che c'è ancora molto da fare e speriamo che le azioni delle chiese incoraggino i governi e l'industria a lavorare verso alternative che aiuteranno ad arrestare e superare il disastroso riscaldamento globale che sta interessando tutti noi ".

Bill McKibben, autore, ambientalista e co-fondatore di 350.org, ha dichiarato: “Quando le comunità di fede disinvestono dai combustibili fossili, è un potente promemoria della profondità pratica e morale della crisi climatica. Non c'è modo di difendere le persone più vulnerabili sulla terra e di salvaguardare il resto del Creato, a meno che tu non sia disposto ad affrontare l'industria dei combustibili fossili ".

Mons. Brendan Leahy, vescovo cattolico di Limerick, ha affermato: "Ascoltando il grido dell'umanità, il grido del creato e il grido dei giovani, grida che Papa Francesco porta così fortemente alla nostra attenzione, è diventato chiaro che la nostra diocesi non poteva più continuare i suoi investimenti in fondi legati ai combustibili fossili. Sono i più poveri e svantaggiati quelli che soffrono di più a causa del grido della terra. Forse possiamo sentirci impotenti di fronte alle sfide, ma se ognuno di noi si lascia convertire ecologicamente, il nostro mondo cambierà. Questa conversione parte dal nostro cuore, ma se è reale colpirà le nostre tasche. E non solo personalmente. Dobbiamo vedere come, insieme, possiamo cambiare le strutture sociali nel nostro mondo che portano a quelle fratture e divisioni che fanno piangere il nostro mondo. Insieme, in passi pratici, possiamo consolare il grido del nostro pianeta. E il disinvestimento dai combustibili fossili è un passo in tal senso".

Il Rev. dott. Dave Gregory, Coordinatore della Rete Ambientale dell’Unione Battista ed ex presidente della Baptist Union, ex meteorologo presso il Met Office e l'European Weather Center, ha dichiarato: "È stato stimolante ascoltare così tante voci da generazioni e parti della famiglia Baptist Together che riconoscono l'importanza della decisione di disinvestire dai combustibili fossili e concordano nell’essere il modo in cui si debba camminare insieme con Gesù di fronte alla crisi climatica e ambientale che, per molti nel nostro mondo, è un’ immediata emergenza climatica".

Il Rev. Vivienne Faull, Vescovo di Bristol nella Chiesa d'Inghilterra, ha dichiarato: "Nel prendere sul serio la nostra risposta all'emergenza climatica, sono lieta di poter affermare che il Consiglio Diocesano delle Finanze (DBF) si è impegnato a disinvestire dai combustibili fossili. La cura per il creato è un segno fondamentale della missione della Chiesa, e questo è un passo importante verso la realizzazione dei nostri obiettivi di emissioni zero di carbonio ".

Tomás Insua, Direttore Esecutivo del Movimento Cattolico Mondiale per il Clima, ha dichiarato: "La nostra casa comune non può accettare più energia fossile sporca, quindi l'annuncio di oggi è una grande notizia. È incoraggiante vedere come le istituzioni cattoliche stiano attuando le linee guida del Vaticano sul disinvestimento dai combustibili fossili, in tandem con tante altre istituzioni religiose. Spero che ispiri molti altri a seguire l'esempio, rispondendo in modo deciso al grido della terra e al grido dei poveri ".

James Buchanan, Coordinatore della Campagna Bright Now presso Operation Noah, ha dichiarato: “Mentre il Regno Unito si prepara a ospitare il G7 e la COP26 quest'anno, è estremamente incoraggiante vedere così tante Chiese e gruppi religiosi che annunciano il loro disinvestimento dai combustibili fossili. Esortiamo i governi di tutto il mondo a seguire il loro esempio ponendo fine al sostegno ai combustibili fossili e investendo nelle tecnologie pulite del futuro ".

La dottoressa Rachel Mash, coordinatrice ambientale della Chiesa anglicana dell'Africa meridionale  (Green Anglicans), ha dichiarato: “Le compagnie di combustibili fossili vedono l'Africa come la prossima frontiera per l'esplorazione di gas e petrolio. I diritti alla terra vengono ignorati, le scarse risorse idriche sono minacciate dall'inquinamento, le leggi sulla protezione ambientale sono ostentate e questo causa destabilizzazione politica. Quando vediamo i nostri fratelli e le nostre sorelle che disinvestono dai combustibili fossili, ciò ci fa sperare che questa nuova era di sfruttamento possa ancora essere fermata ".

Il Rev. Henrik Grape, Consulente senior per la cura del creato, della sostenibilità e della giustizia climatica per il Consiglio Mondiale delle Chiese, ha dichiarato: “Investire nell'industria dei combustibili fossili non è un'opzione per la chiesa che si mobilita per la giustizia climatica. In un momento di emergenza climatica dobbiamo fare tutto il possibile per ottenere una transizione rapida e giusta verso un futuro sostenibile. In una tale trasformazione, disinvestire dai combustibili fossili è il minimo che possiamo chiedere ".

Meryne Warah, co-facilitatrice e coordinatrice della Rete Internazionale GreenFaith, ha dichiarato: “Persone di fede: non coprite e la vostra luce! Disinvestite adesso dall'industria dei combustibili fossili, che sta distruggendo il nostro prezioso pianeta. Disinvestite adesso in solidarietà con le persone in tutto il mondo che già soffrono per gli impatti climatici. Disinvestite adesso, perché la vostra fede lo richiede e il nostro Dio amorevole non vuole nient’altro da noi.

 

Fonte

Last modified on Martedì, 18 Maggio 2021 17:04

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.