Lunedì, 26 Giugno 2017 06:02

Acqua, curiamola quando c’è

Da poco l’estate è cominciata e già l’Italia rischia la grande sete, e la “colpa” viene data al clima troppo caldo. Ma è davvero così?

Allarme siccità, purtroppo prevedibile.

E il rischio, è di tutti. Nel nostro paese mancano all’appello circa 20 miliardi di metri cubi di acqua, con un volume pari all’intero lago di Como. L’Italia tocca un deficit idrico del 48% che Coldiretti trasforma in circa un milione di euro di danni per quanto riguarda agricoltura e allevamento, oltre a costringerci a razionalizzarne l’utilizzo.

Ma razionalizzare ora serve a poco. E’ una soluzione momentanea che nel corso degli anni potrebbe non bastare.

Si dà peso solo a ciò che è stato prodotto dagli affaristi dell'acqua (i cui danni ricadranno sui cittadini) ma come mai, vista la scarsità crescente (non solo da quest'anno) del vitale elemento, non si è mai fatta prevenzione, controlli, dato ammende ai responsabili dell'inquinamento ambientale?

Quello che ci chiediamo, è perché non si sia cercato di agire all’origine del problema, recuperando l’acqua piovana, o realizzando un servizio idoneo di depurazione delle acque grigie, delle acque nere. E soprattutto, perché non si è preveduto fino ad ora a riparare le reti idriche, che in Italia ormai sono ridotte a veri colabrodo?

Nasce da qui la necessità di sviluppare infrastrutture alternative per l’approvvigionamento di acqua, infrastrutture pubbliche, perché pubblico è il bene di cui trattano. Iniziativa sostenuta da anni da associazioni come il Coordinamento Campano Acqua Pubblica, che riconosce e promuove il diritto all'acqua e alla sua gestione pubblica e partecipata. Diritto che hanno i cittadini di controllarla e tutelarla, reciclarla e distribuirla equamente per garantirla a tutti. In tutte le stagioni

Da poco l’estate è cominciata e già l’Italia rischia la grande sete, e la “colpa” viene data al clima troppo caldo. Ma è davvero così? A cosa è dovuto il surriscaldamento? Non forse ai disboscamenti, alle deviazioni di fiumi, e in generale al mancato rispetto dell’ambiente da parte dell’uomo?

L’ambiente è la nostra casa, l’acqua la nostra vita. La vita di tutti. Abbiamone cura.

Last modified on Lunedì, 26 Giugno 2017 06:13

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.