Mercoledì, 14 Novembre 2018 20:36

Una questione di “verità”

Il nuovo millennio è iniziato con un fatto drammatico: l’11 settembre 2001, l’attentato alle Torri gemelle di New York, denso di risvolti culturali, economici e politici, ha anche riproposto il gravissimo problema del rapporto tra religioni e violenza.
Si è ripreso a parlare di “guerra santa” da una parte e di “guerra giusta” dall’altra.
Le recenti tragedie prodotte dai vari integralismi ci obbligano a riproporre la domanda: le religioni sono a difesa della tolleranza o del fondamentalismo violento? È possibile uscire dall’infernale intreccio che da secoli lega religioni e violenza?

Se da una parte in tutte le religioni ritroviamo messaggi e testimonianze profetiche di pace, dall’altra riscontriamo segni molto ambigui di complicità con la violenza.
Da un punto di vista filosofico e culturale questo legame storico tra religioni e violenza ripropone come centrale il tema della verità.

Religioni e verità
Tutte le religioni si dicono portatrici di “verità”. Ma quale? La verità è unica o molteplice? È esclusiva o accogliente? È soggettiva o oggettiva? Qual è il concetto di verità che ritroviamo nelle varie religioni e in particolare nelle tre grandi religioni monoteiste: ebraismo, cristianesimo e islam?
Se le analizziamo anche solo superficialmente, ognuna ha sempre ritenuto di non essere una religione tra le altre: in fondo, ha sempre preteso, e forse pretende ancora, di possedere l’esclusiva della verità. Forse questo è uno dei motivi principali di tante guerre “sante” e “giuste”: la “verità religiosa” non si discute, anzi, va difesa a oltranza e propagata.
Limitandoci al cristianesimo, le conseguenze storiche di questa idea di verità sono state drammatiche: processi, condanne, roghi e guerre. Le crociate non furono un episodio accidentale, perché la violenza era ritenuta necessaria per combattere l’errore.

Cristianesimo e filosofia greca
Da dove nasce questa pretesa di assolutezza e di monopolio esclusivo della verità?
Le sue radici si rifanno a contenuti di carattere prettamente religioso, ma anche a motivazioni storico-culturali.
Tutte e tre le grandi religioni monoteiste si rifanno alla unicità del Dio di Abramo che si consolida nel patto tra Jhwh e Mosè: «Non avrai altro Dio all’infuori di me».
Ma la pretesa di assolutezza si lega anche alle rispettive culture, alle loro tradizioni, ai loro vissuti storici; per quanto riguarda il cristianesimo, si lega alle radici filosofiche del concetto di verità, amalgamato e confuso con la metafisica greca, per la quale la verità è essenzialmente “conoscenza vera”: io sono nel vero quando la mia mente “rispecchia” in maniera adeguata ciò che sta fuori di me.
Per Tommaso d’Aquino la verità è adeguazione dell’intelletto alla cosa, e con Cartesio e l’Illuminismo essa diventa “idea chiara e distinta”, vera o falsa. Non ammette sfumature.
Su questo concetto si è costruita per secoli buona parte della cultura occidentale: una verità che rientra nella grande categoria della cultura dell’avere, della proprietà: la verità la si “ha” come la casa, la macchina, gli oggetti.

Cammino condiviso
Con Kant, prima, e Nietzsche e Heidegger, poi, la verità diventa piuttosto un cammino, una ricerca continua attraverso l’incontro, la critica e l’argomentazione. È un processo che accade nel dialogo tra persone, come sottolineato anche da papa Francesco, perché il Dio di Gesù è essenzialmente relazione, è un Dio trinitario.
La verità diventa evento di comunicazione: accade se l’io non resta chiuso in se stesso, ma si apre al tu in un dialogo che non è chiacchiera ma coinvolgimento profondo nella ricerca comune di un “senso” che va sempre “oltre” ed è più grande di noi, nella pluralità dei cammini, delle culture, delle fedi.
Non è relativismo, in cui ognuno si tiene la propria verità: le proprie opinioni entrano in discussione e confronto con altre, perché la verità accade nel dialogo; non è assoluta, ma sempre rivedibile e aperta a nuovi contenuti.

La verità “nomade”
Parecchi pensatori di origine ebraica, come Buber, Lévinas, Jonas e Rosenweig, hanno richiamato le radici ebraiche della cultura occidentale: le pagine bibliche, da Abramo a Gesù, sono racconti di viaggi dove la verità è interpretata come un “esodo” continuo.

Continua...

Last modified on Mercoledì, 14 Novembre 2018 20:55

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.