Mentre si negozia il pacchetto climatico dell'UE "Fit-for-55", si profila una decisione fatale. È in gioco la neutralità climatica e la sostenibilità dell'approvvigionamento energetico dell'Europa. In particolare: Le nuove centrali nucleari e a gas potrebbero essere classificate come "investimenti sostenibili". Questo significherebbe che il gas e il nucleare verrebbero etichettate come energie verdi e che grossi flussi finanziari si dirigerebbero verso queste fonti di energia. Questo porterebbe la politica climatica ed energetica dell'UE su una strada completamente sbagliata! Ecco di cosa si tratta in dettaglio: La Commissione europea sta lavorando da mesi a un nuovo st... leggi tutto
Non una donna purchessia. In Italia ci sono donne che hanno le qualità morali, le competenze politiche e l' autorevolezza necessaria per essere delle buone Presidenti della Republica. Rosy Bindi è una di loro e non solo può rappresentare una vasta area di donne e di uomini di orientamento democratico ma con la sua saggezza e la sua apertura mentale può riuscire a parlare al cuore dell' intero paese. Rosy Bindi sarebbe una buona custode della Costituzione e potrebbe garantire che la Carta Costituzionale sia non solo rispettata ma attuata anche nelle sue parti più progressive.Per l'integrità, l'onestà, la coerenza che ha sempre dimostrato nell... leggi tutto
Di cosa si occupa ènostra – l’energia buona?ènostra è una cooperativa che produce e fornisce elettricità rinnovabile, sostenibile ed etica a famiglie, imprese e organizzazioni del terzo settore. Si fonda sulla partecipazione attiva e sul coinvolgimento delle comunità per cambiare dal basso il modo di produrre e consumare energia. Per quale ragione credete in questo progetto?Abbiamo creato ènostra perché crediamo che oggi sia fondamentale favorire la transizione energetica dall'attuale modello basato sull'utilizzo delle fonti fossili a un modello energetico democratico, equo e accessibile a tutti, 100% rinnovabile tale da produrre ... leggi tutto
La violenza sulle donne? Interessa innanzitutto gli uomini. È da questo principio che nasce il manifesto del Comitato civico “Impariamo a dire noi” che rappresenta la sintesi dell’elaborazione, fin qui compiuta, in oltre un anno di lavoro a Firenze da un gruppo di donne e uomini che sentirono la necessità di confrontarsi sul fenomeno del femminicidio e della violenza domestica, spinti da un forte preoccupazione e indignazione per quanto era avvenuto nella fase del lockdown (si ricorda che durante il lockdown furono 5.031 le telefonate valide al 1522, il 73% in più sullo stesso periodo del 2019). Il comitato è promosso tra gli altri dal sociologo... leggi tutto
Celebriamo anche quest’anno la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Dall’inizio del 2021 nel nostro paese sono state 54 le donne uccise da uomini, il più delle volte loro partner o ex-partner; 70 nel 2020; 69 nel 2019; 74 nel 2018 (femminicidioitalia.info). A questi numeri si aggiungono quelli dell’Istat, che dedica un’ampia sezione del suo sito istituzionale all’approfondimento del fenomeno, includendo, accanto alla violenza fisica, anche quella psicologica. I dati sono ricavati dalle denunce, dagli accessi ai centri antiviolenza e dalle chiamate al numero telefonico dedicato, l’1522, che nel trimestre del lockdown di marzo-maggi... leggi tutto
Al temine di serrati negoziati, la Cop26 si è conclusa con l’adozione del Glasgow Climate Pact. Tra le questioni più divisive e impegnative in termini della ricerca di un compromesso, vi è stata sicuramente quella relativa alla finanza climatica internazionale. Su questo tema la principale linea di divisione nei negoziati della Cop26, così come nella storia di tutte le altre conferenze ONU sul clima, è rappresentata in primo luogo dagli interessi spesso divergenti tra paesi sviluppati, da un lato, e paesi in via di sviluppo e paesi poveri dall’altro. In particolare, quest’ultimi, tra le varie cose, chiedevano di inserire nel testo finale... leggi tutto
“I governi africani dovrebbero garantire l’accesso all’istruzione a tutte le ragazze fornendo linee guida chiare alle scuole e alla comunità per aiutare le donne incinte o le madri a tornare e avere successo negli studi”. Anche se molti governi in Africa hanno già leggi e politiche in questo senso, il diritto all’istruzione di centinaia di migliaia di ragazze e giovani donne nel continente è ancora negato perché incinte, sposate o madri. Il Gabon e la Costa d’Avorio sono tra i Paesi che garantiscono loro il diritto a continuare la loro istruzione durante la gravidanza e dopo il parto ma altre nazioni, come la Tanzania, hanno pol... leggi tutto
Mi presento, sono ricercatrice, di formazione economista ma con un forte spirito interdisciplinare. Nella ricerca come nella vita mi piace mettermi in ascolto e lasciare più spazio alle domande che alle risposte. Attualmente lavoro part-time presso la SUPSI di Lugano (Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana) e il Leverhulme Centre for Demographic Science dell’ Università di Oxford. Sono moglie di Leonardo e mamma di Giovanni e di Caterina. Ho 34 anni. Come tanti giovani mi sono spesso domandata quale fosse il luogo in cui realizzare la mia chiamata nella vita. La mia formazione scout mi ha sempre guidata in questo: una vita senza servizio è una v... leggi tutto
Le donne nella Chiesa. Se ne parla, da molto tempo a questa parte. Da quasi vent’anni opera in Italia il Coordinamento Teologhe Italiane (CTI), un’associazione nata per valorizzare e promuovere gli studi di genere in ambito teologico, biblico, patristico, storico, in prospettiva ecumenica. Nel giugno scorso Cristina Simonelli, presidente da due mandati e figura di riferimento, ha lasciato l’incarico. Al suo posto è stata eletta Lucia Vantini. Nata nel 1972, veronese, Lucia Vantini è docente di Teologia fondamentale e antropologia all’Issr San Pietro Martire e di Antropologia filosofica e Antropologia teologica allo Studio teologico San Zeno. Inoltre &e... leggi tutto
Un'ampia e forte coalizione di organizzazioni cattoliche per il clima ha incontrato, lunedì 25 ottobre, i Parlamentari italiani, nella Sala Nilde Iotti di Palazzo Theodoli- Bianchelli, invitandoli ad agire con urgenza contro l’emergenza climatica durante COP 26, la 26ª Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, che avrà inizio questa domenica, in Scozia a Glasgow. La coalizione ha chiesto al Governo italiano di ascoltare Papa Francesco e ha condiviso come decine di migliaia di cattolici abbiano già sostenuto Sua Santità firmando la Petizione Pianeta sano, persone sane. La Petizione, tra le altre sue richieste profetiche, sollecita i gov... leggi tutto
Pagina 1 di 19

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

YOUTUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.