Non ci sarà lavoro senza più cura Arton
Mercoledì, 03 Maggio 2017 06:39

Non ci sarà lavoro senza più cura

Per festeggiare questo Primo Maggio appena passato, condividiamo un estratto del commento di Alessandra Smerilli pubblicato sul sito di Avvenire.

È difficile far festa in questo Primo Maggio. Come celebrare la festa del lavoro, quando augurare "buon lavoro" – soprattutto ai giovani – sta diventando imbarazzante, perché è un augurio troppo spesso irresponsabile, in una società che sta distruggendo il lavoro? Che festa è oggi per chi non lavora mai o per chi è costretto a lavorare anche in giorni come questo per consentire i nostri riti consumistici? Eppure, dobbiamo continuare a far festa, anche e soprattutto per chi non può festeggiare. E una festa che celebra conquiste avvenute "dal basso", anche grazie a eventi tragici, ci ricorda che i passi avanti hanno bisogno di consapevolezza e di impegno collettivo: di un patto per il buon lavoro.

Oggi al centro del nostro patto dovrebbero essere i giovani, nella consapevolezza che «la degradazione di non trovare lavoro, avendone le attitudini e la volontà, mortifica e inasprisce» (Federico Caffè).

Uno scenario che sta prendendo piede è quello di redistribuire i maggiori redditi generati dalla tecnologia in modo che gli esclusi dal lavoro non siano totalmente esclusi dal consumo, uno scenario, però, che non può lasciar tranquillo un Paese che nell’articolo 1 della propria Costituzione ha voluto scrivere il sogno di una Repubblica «fondata sul lavoro», perché il lavorare è qualcosa di molto più grande di un semplice mezzo per poter consumare.

C’è anche un altro scenario. Mantenere tutte le persone impiegate in una produzione, come diceva 40 anni fa Federico Caffè, facendole lavorare 6 ore in un giorno, invece che 8, ma pagando in una giornata lo stesso stipendio di prima (qualcosa che grazie alle tecnologie è molto più realistico di ieri). Così facendo si potrebbe arginare la disoccupazione, non si abbasserebbe il livello della domanda, si libererebbero ore che potrebbero essere impiegate per la cura dei bambini, degli anziani, dei più deboli, in famiglia e nei quartieri di riferimento, e per la coltivazione delle nostre relazioni e della nostra umanità.

È un qualcosa di diverso dall’antico slogan "lavorare meno, lavorare tutti": è dire che lavoro e cura di sé e degli altri sono due dimensioni coessenziali della vita e ci rendono più umani. Un cambiamento così importante nel modo di intendere il lavoro e la cura è uno di quei processi che richiedono proteste e conquiste collettive. È un dono all’intera società che oggi può venire principalmente e, forse, solamente da voci di donna.

Sì, perché tradizionalmente il ruolo della cura è stato attribuito alle donne, che oggi, se vogliono lavorare, devono dividersi, a volte in maniera estenuante e non sostenibile tra lavoro e attività di cura. Ma se la cura è una dimensione essenziale dell’essere umano, e non si è pienamente umani se non ci si prende cura degli altri, allora tutti dovremmo diventarne più consapevoli.

E cura oggi significa anche prendersi cura dei giovani che non trovano lavoro. Una mamma non può far festa se vede che il proprio figlio non riesce a realizzare le sue potenzialità. Allora un buon modo per festeggiare questo Primo Maggio potrebbe essere quello di pensare a un giovane senza lavoro e adoperarsi per lui o per lei. Stargli a fianco per fare emergere e rendere visibili a lui e agli altri le sue potenzialità, i suoi talenti. Non possiamo farlo per tutti i giovani, ma per uno sì. In una civiltà che sempre più sogna il consumo, dobbiamo tornare a sognare il lavoro, e sognandolo, renderlo possibile.

È possibile leggere la versione integrale sul sito.

Last modified on Mercoledì, 03 Maggio 2017 07:03

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.