Venerdì, 30 Ottobre 2020 19:44

Gli effetti del covid sulle donne: una possibile lettura

Il lockdown ha tracciato con precisione chirurgica i perimetri entro cui, nel tentativo di arrestare la diffusione del coronavirus, sono stati circoscritti per diversi mesi donne e uomini. Questa incisione nel cuore della società stessa ha agito da lente di ingrandimento su un divario netto e antico tra le diverse componenti sociali nonché sulle questioni di genere

Molteplici sono le angolature da cui azzardare un’analisi degli effetti sulle donne della pandemia e dell’isolamento forzato. Senza alcun dubbio, l’irruenza con cui il virus ha invaso la “normalità” quotidiana ha gettato tutti in crisi.
Si è soliti attribuire a questo termine, “crisi”, un’accezione prevalentemente negativa, eppure, attingendo alla sua sorgente etimologica, essa si mostra come un monito perentorio alla scelta, al cambiamento. Volenti o nolenti, si è costretti ad accettare una rivoluzione degli assetti consueti.

Si potrebbe affermare che il lockdown e il totale rovesciamento delle abitudini lavorative, di vita, di movimento e di relazione abbiano amplificato quanto di buono era in essere ancora in fieri e, al contempo, abbiano accelerato in forma esponenziale il cedimento di un sistema economico, sociale e di valori che essu-dava vizi esiziali.

Tempo di conti
La pandemia ha disarcionato le certezze fittizie di una società che cavalca prevalentemente l’onda dell’apparire e del possedere, riportando, non senza una cruda ferocia, ogni persona, nessuna esclusa, sul terreno della propria condizione di fragilità umana e, al contempo, di potenzialità evolutiva enorme.
Il tabù, sempre più imperante, della malattia e della morte come aspetti da relegare in un bugigattolo sottochiave si è infranto violentemente come mai prima. La pandemia ha imposto a tutti di fare i conti, chi più chi meno direttamente, con la morte e la sofferenza, e, pertanto, di interrogarsi sul senso della vita e su quali siano davvero le priorità.

Per le donne di fede, per le monache in particolare, questo momento è stato un motivo per intensificare la pratica spirituale, per rafforzare il senso di comunione e di supporto attraverso la preghiera, la meditazione e lo studio delle Scritture. Questo è stato, per esempio, il caso delle monache e dei monaci induisti, che nel periodo del lockdown, e ancora oggi, hanno promosso l’iniziativa #iopregodacasa e #iopregoperte, per donare le proprie preghiere a chi ne avesse fatto richiesta. A questo, si è affiancato anche un servizio di assistenza e supporto telefonico.

Risposte variegate
Passando a un ambito più laico, il ventaglio delle casistiche si allarga. Per molte donne, soprattutto madri, la convivenza familiare coatta ha rappresentato un’opportunità per riappropriarsi di uno spazio e di un tempo do-mestici in cui potersi dedicare ai propri figli e coniugi; momenti che i ritmi frenetici della vita pre-covid avevano in qualche modo “rubato”.

Continua...

Last modified on Venerdì, 30 Ottobre 2020 19:48

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.