Marcia delle donne, marcia di tutti Teresa Shook, la mente della Marcia delle donne
Domenica, 22 Gennaio 2017 15:53

Marcia delle donne, marcia di tutti

In protesta verso l’atteggiamento misogino e discriminatorio del presidente Trump, la proposta di una donna che smuove il mondo in nome dei diritti

Oltre un milione di persone, tantissime donne, molti uomini. Una marcia rosa composta da un popolo arcobaleno: rappresentanti delle comunità LGBT, donne nigeriane, mussulmane con il velo rosa sotto lo hijab e immigrati. Una protesta, quella che ha pacificamente invaso le strade di Washington – e del mondo – sabato 21 gennaio, che inizia con il voler difendere i diritti delle donne e finisce con il difendere i diritti di tutti. Tutti quelli che non si sentono rappresentati dal neo Presidente americano. Proprio contro Donald Trump, si scagliano i cartelli del lungo corteo di cappellini rosa che dalla Independence Aveneu e da Third Street arrivano fino alla Casa Bianca.

Uno dei tanti cortei di cappellini rosa in marcia

La proposta di marciare sulla capitale indossando un berrettino rosa nasce lo scorso novembre, in seguito all’elezione di Trump. L’idea parte da un’ex giudice delle Hawaii, Teresa Shook, scandalizzata dal presidente, dal suo atteggiamento spesso irrispettoso nei confronti delle donne e delle persone svantaggiate. Attraverso facebook e altri social fa il giro del mondo. E molte organizzazioni, nazionali e internazionali, aderiscono. Gli americani per salvaguardare progetti come l’Obamacare, che garantisce copertura sanitaria a tutti gli americani e il Planned Parenthood, che assiste moralmente ed economicamente le donne che vogliono interrompere la gravidanza. Tutti gli altri per difendere minoranze e diversità. I loro diritti. Diritti delle donne in primis. Diritti di tutti i cittadini.

Ma la manifestazione di Washington, organizzata e coordinata attraverso un sito web, un’app creata appositamente e diffusione social (#WhyIMarch), ha avuto risonanza in tutto il mondo. E attraversando i continenti si sono contati circa 670 cortei da Sidney a Barcellona. In Europa, grande marcia a Londra (80mila persone tra cui il sindaco Sadiq Khan), così come Marsiglia, Stoccolma e Atene. E ancora Toronto, Denver, Los Angeles, fino a Bangalore, in India. Tra le città asiatiche invase dai berretti rosa anche Seul e Tokyo. Cortei anche in Italia, tra Firenze, Roma e Milano dove un centinaio di donne, tra cittadine statunitensi e femministe italiane, hanno manifestato in piazza Scala. Un mondo diventato, per un giorno, un unico popolo, un lungo serpentone di volti e consapevolezza.

Last modified on Lunedì, 23 Gennaio 2017 10:19

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.