Martedì, 29 Dicembre 2020 08:16

La nuova economia del noi

«Tante opportunità, oggi, passano attraverso la rete, e ho sentito parlare di The Economy of Francesco proprio fa-cendo un giro per i social. Era il settembre del 2019 e mi son reso subito conto che c’erano tutti gli ingredienti per vivere un’esperienza indimenticabile: la presenza di centinaia di giovani da tutto il mondo, ciascuno con la propria ricchezza; luminari di fama internazionale; la città di Assisi, che con la sua atmosfera intrisa di spiritualità è uno dei miei luoghi preferiti, e poi la finalità lodevole dell’evento: riscrivere una nuova economia, più equa, nella quale nessuno si senta escluso. Le parole del Papa in questi anni mi hanno davvero smosso: l’invito a non farci rubare la speranza, a non guardare la vita dalla finestra ma a scendere in strada; il bisogno di mettere fine all’economia che uccide e alla globalizzazione dell’indifferenza. Non ci ho pensato due volte: Assisi era il mio posto, dovevo esserci»

Sono Davide, 26 anni, ingegnere ma non troppo (come mi piace definirmi), cresciuto sulle rive della spiritualità missionaria. Dopo quattro anni in giro per l’Europa per studio, ricerca e lavoro, sono tornato nella mia città natale, Bari, dove attualmente lavoro per un’azienda informatica e sono impegnato nel sociale. Dopo tanto peregrinare, ho sentito che la mia terra di missione, il mio posto nel mondo, era proprio la mia amata Puglia e la sua gente.

Fra le tre categorie invitate all’evento – economisti, imprenditori e agenti di cambiamento – mi sono iscritto tra questi ultimi. Qualche mese prima, assieme ad altri giovani professionisti di tutta Italia avevo fondato Social Innovators Community, una rete che, attraverso l’organizzazione di eventi, la comunicazione online e la coprogettazione, si impegna nella diffusione dell’innovazione sociale in Italia. Il messaggio che cerchiamo di trasmettere ai giovani è semplice: impegnarsi a livello professionale nel trovare soluzioni alle sempre nuove sfide della società è la maniera più appagante e arricchente per realizzare i propri talenti. Nel dicembre 2019 è arrivata l’email che attendevo con trepidazione: ero stato selezionato; tra quei duemila giovani ci sarei stato anche io. Si va ad Assisi! L’euforia era alle stelle!

Una scelta non facile
Per organizzare i lavori dell’incontro di Assisi, il comitato centrale di EoF ha richiesto a ogni partecipante di scegliere un “villaggio tematico”, ovvero un gruppo dove approfondire uno dei 12 macrotemi. La scelta non è stata facile: erano tutti molto interessanti. Alla fine ho optato per “Vocazione e profitto”, villaggio che affronta una sfida particolarmente impegnativa e affascinante: costruire un’economia che metta al centro la persona e non il guadagno ad ogni costo, coniugando la propria vocazione con la necessità di generare introiti.

Ho vissuto in prima persona il disagio di trovarmi all’interno di un meccanismo dove io ero solo un ingranaggio per produrre denaro, senza alcuna attenzione alle mie aspirazioni e al mio desiderio di avere un impatto positivo sul mondo. Spesso le aziende si focalizzano sulla massimizzazione del profitto e finiscono con l’alienare chi lavora o trascurare gli effetti deleteri sull’ambiente e la società. Anche l’imprenditore rischia di focalizzarsi sul profitto perdendo di vista i propri ideali. In entrambi i casi, le regole economiche sostituiscono quelle morali, dettano leggi e impongono i propri sistemi di riferimento, impedendo alla persona di esprimere appieno la sua originalità e deprivando la stessa economia di un valore immenso. È così impossibile immaginare un futuro nel quale due imprenditori, incontrandosi, invece di chiedersi il fatturato si chiedano reciprocamente quale impatto hanno generato?

Comprendere quale sia la propria vocazione, aiutare altri a trovarla, liberarla dalla logica del profitto estremo e ampliare la prospettiva a sistemi più grandi (dalla persona al team, all’azienda, al sistema economico) sarebbe diventato il nostro impegno. Sapevo bene che non ero l’unico a desiderarlo: da qualche parte c’erano giovani che lo sognavano quanto e più di me, e che io volevo incontrare.

Dall’evento al percorso
Mi aspettavo di ritagliarmi tre giorni stupendi a fine marzo 2020 da vivere nella splendida cornice di Assisi. Vi avrei fatto la mia bella esperienza con giovani di tutto il mondo e poi, tornato, avrei raccontato quanto vissuto alle persone attorno a me. Nessuno aveva previsto che una pandemia ci avrebbe travolto rendendo impossibili gli spostamenti, ma come diceva Madre Teresa di Calcutta: «Dio scrive dritto sulle righe storte della nostra vita».

Continua...

Last modified on Martedì, 29 Dicembre 2020 08:22

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.