Giovedì, 18 Aprile 2019 19:25

Pasqua, evento incompiuto

La scorsa settimana in Vaticano si è svolto un “ritiro spirituale” molto particolare: acerrimi nemici, che dal 15 dicembre 2013 con la loro rivalità hanno distrutto la neonata Repubblica del Sud Sudan, hanno sostato insieme, non per trattare spartizioni di potere ma per vivere la riconciliazione.

Due giorni dedicati alla loro “fede cristiana”, professata a parole ma sconfessata nei fatti; un tempo di introspezione e preghiera, per avviare un percorso di guarigione interiore e di conversione.

Il “ritiro spirituale” di Salva Kiir Mayardit, Riek Machar Teny, Taban Deng e Rebecca Nyandeng ha inteso alimentare una “trasformazione personale” che possa poi diventare shalom, “pienezza di vita”, per ogni cittadino e cittadina del Sud Sudan.

Il gesto conclusivo di papa Francesco ha colto tutti di sorpresa e ha donato un inatteso tocco di “grazia”.

Il modo migliore per “preparare la Pasqua”, perché la dimensione spirituale e politica dell’incontro, nato all’insegna dell’ecumenismo, lo rende "evento pasquale", inizio esistenziale pervaso di stupore. L’energia trasformante che dona vita a situazioni di morte non è relegata nelle chiese, non è un “rito” da ripetere ogni anno: è tensione che pervade l’esistenza e la proietta oltre.

Come sussurra Antonietta Potente: «La Pasqua è evento incompiuto: resta sforzo, pianto, grido, stupore e veglia costante.

La Pasqua per noi è ancora uno strano inizio esistenziale, che cerchiamo di vivere insieme ad altri e altre. Non ci separa da altre pasque di popoli e persone diverse, credenti in altre religioni, non credenti e dubbiosi. Non ci definisce come coloro che vanno per via sicura, con passi certi.

Tra quotidianità della politica e dell’anima, restiamo vigilanti: chi ha vissuto metamorfosi di liberazione nella sua vita, le continua a cercare, ogni giorno, come possibilità di vita per ogni essere vivente».

A ogni popolo che, con altri popoli, attende vigilante “metamorfosi di vita” il nostro augurio:

Buona Pasqua, Shalom!

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.