Mercoledì, 31 Marzo 2021 15:36

Donne ancora … in attesa di Pasqua

Nei giorni del triduo pasquale le Chiese cristiane condensano l’essenza dell’insegnamento e della vita di un rabbino ebreo, Gesù di Nazareth.

Dalla cena del giovedì alla sepoltura del venerdì sera, i Vangeli raccontano in dettaglio le sue ultime ore di vita: dal tradimento all’arresto, dal “processo farsa” alla crocifissione, supplizio atroce riservato a ribelli molto pericolosi e a omicidi.
Poco emerge, invece, del perché Gesù sia stato così pericolosamente “sovversivo”.

La condanna del rabbino di Nazareth scaturisce dall’odio di influenti sacerdoti e dottori della legge che lo accusano di “blasfemia”: in effetti, a partire dall’inizio della sua vita pubblica, lo stile relazionale di Gesù aveva dissolto la paura del “sacro” e incluso tutte le persone escluse; fra queste le donne.

Esse si sentono da lui trattate “alla pari” e abilitate a compiere gesti ritenuti inaccettabili dalla società del tempo. Alcune erano sue discepole, cosa riservata esclusivamente agli uomini, altre irrompono con libertà in varie circostanze e lo inducono ad ampliare i suoi orizzonti, altre ancora ne riconoscono la “regalità” con l’unzione. Non lo abbandonano neppure quando la condanna lo impala sulla croce.

Dispiace che le Chiese cristiane, che a Gesù si richiamano, facciano tanta fatica ad assumere il suo lascito inclusivo: quando le campane suoneranno a festa la notte di Pasqua, ricordiamoci che la Resurrezione rimane incompiuta fintanto che le Chiese non si convertiranno a riconoscere appieno la pari dignità di ogni persona, incluse le donne.

All’alba di quel “giorno dopo il sabato” non sono state proprio loro le prime messaggere dell’incredibile?

La vita di chi alimenta la dignità altrui non rimane mai nella tomba: risorge!

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.