Giovedì, 08 Aprile 2021 15:03

Verità scomode

Il 7 aprile ricorre la Giornata mondiale della salute: dal 1950 celebra la nascita dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e diventa occasione per richiamare la pubblica attenzione su temi di particolare rilievo sanitario.

In questo tempo di pandemia covid-19, la ricorrenza è passata pressoché sotto silenzio: di vaccini che non arrivano e di terapie intensive al collasso ne sentiamo già parlare tutti i giorni.

Eppure, la giornata poteva essere occasione per riflettere su come prevenire epidemie divenute ricorrenti, minacce che spesso originano da scelte scellerate di produzione e consumo.
Scelte economiche.

Chi ci parla degli effetti degli allevamenti intensivi sulla salute degli animali? E come si riflette la loro salute sulla nostra?

Due programmi molto accurati trasmessi dal servizio pubblico Rai 3 meritano particolare attenzione: Indovina chi viene a cena, condotto da Sabrina Giannini, e la puntata di Sapiens presentata il 28 marzo scorso da Mario Tozzi: “I divoratori del pianeta”.

Quei programmi informativi hanno svelato verità scomode, contro cui si è subito sollevata la protesta delle organizzazioni di categoria dell’industria zootecnica. Svelare certi interessi diventa pericoloso, anche quando il fine dell’informazione è la salute “bene comune”.

E che dire dell’agricoltura intensiva? Quali contaminazioni produce per l’ambiente e l’organismo umano?
Da anni riviste autorevoli ne denunciano gli effetti nefasti, ma l’informazione rimane spesso ai margini. In Italia il dibattito si limita a una ristretta cerchia di esperi: ma le politiche agricole riguardano la salute di tutti e tutte.

Ecco perché il 12 aprile 2021 Agricoltura contadina cerca di coinvolgere la cittadinanza con un seminario: la proposta di legge per l’agricoltura contadina diventa essenziale per realizzare la “transizione ecologica”, ovvero quel cambiamento di stile di vita così importante a garantire la salute del Pianeta… e nostra!

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.