Venerdì, 17 Marzo 2017 07:29

Creatività che sorprende

Quale spazio alle donne in un mondo del lavoro che cambia?

È in corso a New York la 61esima Commissione Onu sullo Status delle Donne. Un’assise con cui il Consiglio economico e sociale dell’Onu cerca di promuovere la parità di genere e il contributo delle donne nelle molteplici società del mondo. 

Quest’anno l'incontro verte sul potere economico delle donne in un mondo del lavoro in rapido cambiamento. Ma il tema emergente è il ruolo delle donne nelle “popolazioni indigene”, quelle tenute ai margini della società dei consumi e degli sprechi.

E sono proprio queste donne ad essere coinvolte da anni in iniziative su piccola scala, ma decisamente interessanti, che coniugano la loro responsabilità per le rispettive comunità alla cura del creato.

In Senegal (Africa) arginano l’avanzata del deserto, in Sri Lanka (Asia) catturano anidride carbonica e mitigano gli tsunami prendendosi cura delle mangrovie, fra i Mapuche del Cile (America Latina) cantano la vitalità del loro popolo a difesa della Terra.

E in Europa, Oceania e America Settentrionale, dove prevalgono società di consumi e di sprechi?

A ogni latitudine le donne hanno una sorpresa da offrire, se viene lasciato spazio alla loro creatività sollecita.

La 61esima Commissione Onu sullo Status delle Donne incoraggi ogni cultura e società a compiere passi concreti in questa direzione… e le donne faranno il resto.

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.