Giovedì, 06 Aprile 2017 15:23

L’orrore di Iblid perfora gli occhi

Non c’è limite alla crudeltà della guerra!

Le armi chimiche sono vietate, eppure le hanno usate anche il 5 aprile. E peraltro contro civili inermi. Anzi, contro bambini e bambine: trenta di loro hanno perso la vita in modo atroce, con una terribile fame d’aria.

Ma l’arsenale chimico di Bashar al Assad non era stato smantellato nel 2014, con una delicata operazione costata decine di milioni di euro?

Lo scorso febbraio Dacia Maraini, presentando a giovani e meno giovani di Verona, uomini e donne, il suo libro “La bambina e il sognatore”, affermava: «Se gli uomini praticassero di più l’amore materno ci sarebbero meno guerre!». E ricordando un incontro del 2013 con donne africane in Nigeria, ha precisato: «La guerra è una questione maschile: è un infanticidio ritardato. Per le donne e le madri non esisterebbe».

Davvero “prendersi cura” dei bambini e delle bambine potrebbe divenire un antidoto alla guerra, e alla violenza efferata che la pervade?
Una domanda che lasciamo sospesa, in attesa di risposta.

Ma nel silenzio dell’attesa facciamo eco ad Alessandra Smerilli, religiosa salesiana e docente di economia. Nelle scorse settimane aveva ricordato che ciò che ci rende più socievoli è il reciproco diritto a essere soccorsi, perché ciò che ci accomuna, uomini e donne, è la fragilità.

Sarà la “cura”, più coltivata anche dagli uomini, a scongiurare altre Iblid?

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.