Mercoledì, 30 Ottobre 2019 21:43

RELIGIONI IN CAMMINO / Donne di fede contro la violenza

La fede ha molteplici sfaccettature: può erigere muri di intolleranza e vendere oppio ai popoli, ma può anche donare un’incredibile energia di coesione e trasformazione, capace di far splendere la dignità umana e di ogni “vivente”. Molte religioni scaturiscono da intenti di liberazione, poi neutralizzati da scaltre strutture di potere. Ma le religioni evolvono sempre, come ogni umana società. Questo dossier rivela la «luce interiore» che accomuna le donne dell’Osservatorio interreligioso sulle violenze contro le donne. Dal marzo 2019 diffonde da Bologna una fragranza di squisita solidarietà.

Queste pagine sono dense di vissuto.
Scaturiscono da donne “credenti”, ricche della forza interiore che la fede dona.

Insieme, sono impegnate a «rompere il silenzio sulle responsabilità delle religioni in merito alle violenze sulle donne: tutte le religioni, nessuna esclusa» – come precisa la conclusione di Paola Cavallari, coordinatrice dell’Osservatorio interreligioso sulle violenze contro le donne nato a Bologna il 14 marzo 2019.

I contributi sono scritti da donne dell’Osservatorio, che fanno esperienza diretta delle luci e delle ombre della propria religione e, con grande libertà, esprimono su di essa una critica sincera e altrettanto liberante.
La loro collaborazione, tanto generativa, può ispirare l’intera società italiana, sempre più multiculturale e multireligiosa, a un confronto rispettoso e costruttivo. Il modo migliore per dissolvere ogni sopruso e violenza. L’ordine di presentazione delle religioni è improntato alla loro età storica: quelle più antiche precedono le più recenti. E in tutte emergono tratti originari comuni, inni alla dignità dell’uomo e della donna, che i secoli hanno coperto di strati e storture, ma che queste donne richiamano con ferma e gentile determinazione.


ARTICOLI NEL DOSSIER:

Tweets

Foto



Video


CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.