Venerdì, 27 Dicembre 2019 21:05

Un premio davvero meritato

Dal 21 al 27 settembre 2019 l’Unione Internazionale delle Superiore Generali (Uisg) ha celebrato il 10° anniversario della sua rete antitratta, Talitha Kum. Un anniversario che merita attenzione e premia l’impegno di tante religiose, che oggi fanno rete anche con persone laiche e sacerdoti

86 delegate, provenienti da 48 Paesi, sono convenute a Roma per valutare i passi compiuti e programmare quelli da compiere. Un lavoro silenzioso, che in 10 anni ha liberato quasi 100.000 persone dalla tratta.
Grazie a 52 reti nazionali che operano in 92 Paesi dei 5 continenti, la rete internazionale cerca di raggiungere oltre 40 milioni di persone, per il 70% donne e bambini, ridotte in stato di schiavitù.

Il Report 2009-2019, pubblicato in occasione dell’evento dalla Facoltà di Scienze Sociali della Pontificia Università Gregoriana, indica che nel 2018 Talitha Kum ha aiutato oltre 15.500 “sopravvissute” e coinvolto circa 235.000 persone nelle attività di prevenzione. Numeri in crescita rispetto al passato, che rivelano lo sviluppo di reti nazionali ben radicate sul territorio e coordinate a livello globale per contrastare con più efficacia un traffico di persone che non conosce confini.

Nel futuro prossimo, nonostante la sfida di sostenere la rete con adeguate risorse umane ed economiche, sono in programma tre nuove aperture: in Mozambico, Tanzania e Taiwan.

L’assemblea generale ha vissuto sessioni di studio e approfondimento aperte al pubblico e anche la premiazione di dieci religiose che, fin dalla nascita della rete, si sono distinte per particolare impegno ispirando la crescita internazionale di Talitha Kum: Patricia Ebegbulem (Nigeria), Agnes Kanlaya Trisopa (Thailandia), Jyoti Pinto (India), Eugenia Bonetti (Italia), María Isabel Chávez Figueroa (Perù), Nicole Rivard (Canada), Ann Scholz (Usa), Louise Cleary (Australia), Bernadette Sangma (India) ed Estrella Castalone (Filippine).
Emozionante il fraterno incontro con papa Francesco, che ha lodato la capacità delle religiose di lavorare insieme: «È un esempio per tutta la Chiesa, anche per noi: uomini, preti, vescovi... Andate avanti così!».

Last modified on Venerdì, 27 Dicembre 2019 21:17

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.