Sabato, 09 Novembre 2019 16:05

Libano, candele e bandiere

Il cambiamento in Libano è in mano al popolo e le donne si uniscono ad alta voce per i diritti di un paese e di un genere.

Ha fatto il giro del mondo il video di Malak Alaywe che, per difendersi da un mitra pronto a sparare, si ribella a una guardia del corpo del ministro dell’Educazione.

È l’emblema di una protesta che in Libano è iniziata la sera del 17 ottobre con molti uomini e moltissime donne in piazza a Beirut. Potremmo dire un rivolta scoppiata per futili motivi – l’aumento del prezzo delle chiamate via internet – che ha però radici ben più profonde legate alla crisi economica e non solo.

Le condizioni in cui vivono i cittadini della capitale sono estremamente critiche: stando a una ricerca dell’American University of Beirut, infatti, ben il 93% della popolazione è esposto agli alti livelli di inquinamento dell’aria, esposizione che può condurre a morti premature – nel mondo si stimano circa 2 milioni di morti premature all’anno.

Quello dell’inquinamento ambientale è un problema serio a Beirut. Martedì scorso alcuni manifestanti hanno iniziato una sorta di rivolta pacifica: hanno incominciato a piantare alberi, in una sorta di rivoluzione verde. Un’azione che ha duplice scopo: da un lato aumentare la presenza di verde pubblico che ad oggi è quantificato in solo 0.8 metri quadrati, a dispetto dei 9 suggeriti dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). Dall’altro latro, compensare le conseguenze dovute dalla presenza massiccia di vetro e calcestruzzo, che ha portato a un aumento della temperatura della capitale.

Al tema ecologico si aggiungono anche le richieste delle molte organizzazioni femministe che fin dal principio sono scese in piazza a fianco dei i manifestanti, al canto di “la rivoluzione è una donna”. Davanti a uno scenario nazionale di questo tipo e con l’esempio siriano a pochi chilometri di distanza, le donne libanesi munite di candele e bandiere nazionali, hanno dato il loro sostegno alle proteste antigovernative chiedendo cambiamenti urgenti per il loro paese e per il proprio futuro.

Una lotta ancora più intensa perché unisce alle necessità sociali, le esigenze legate alla propria autonomia e ai propri diritti in quanto donne: una legge che le protegga dalle molestie sessuali e dalla violenza sessuale di ogni genere, anche quella domestica. E ancora, una legge per la custodia dei figli che non passi attraverso le corti religiose e infine il diritto delle donne di passare la loro nazionalità ai propri figli.

Un lotta, quella per i diritti, che trova eco in molte altre parti del mondo e - come in Cile, Catalogna e Iraq –a cui cercheremo di dare sempre la nostra voce.

Last modified on Sabato, 09 Novembre 2019 16:23

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.