Venerdì, 24 Agosto 2018 15:49

La voce della maggioranza silenziosa

Parlano di violenza domestica, come riconoscerla e come affrontarla, denunciano il regime autoritario e difendono i maggiori diritti delle donne.

Sono giovani, laureate, provenienti da diversi Paesi del Medio Oriente. Sono le donne che hanno dato vita a Nsawya FM, la prima web radio femminile saudita, che va in onda da un Paese segreto per dare voce a chi voce non ha.

Nsawya FM si rivolge alle donne parlando di violenza domestica, di come tutelarsi dagli uomini e di altre questioni che limitano i diritti delle donne nel regno del Golfo. «Abbiamo iniziato questo progetto per tenere traccia delle nostre azioni, in modo che le persone possano capire che esistiamo davvero, che siamo reali - ha detto la principale speaker Ashtar, in un'intervista con la BBC - le autorità saudite potrebbero bannare il nostro account Twitter in qualsiasi momento e perderemmo l'intero archivio dei nostri pensieri, mentre la radio ci offre l'opportunità di registrare programmi e trasmetterli su altre piattaforme».

Ashtar, 27 anni, è un nome di fantasia che si ispira alla dea della bellezza e del combattimento e che la fondatrice della radio utilizza soprattutto per proteggere la sua incolumità e quella delle sue collaboratrici. Nsawya FM, infatti, ha due presentatrici e altre nove donne che ne producono contenuti. Tutte le donne sono di nazionalità saudita, tranne due, ma non tutte risiedono attualmente in Arabia Saudita. Per questo, la comunicazione tra loro è difficile: vivono in fusi orari diversi dove non sempre riescono a far combaciare studio e lavoro con la preparazione dei programmi.

Dal lancio, la stazione ha trasmesso due programmi di un'ora utilizzando uno studio minimalista: un microfono, un computer e un sito di streaming attraverso cui trasmettere. Le attiviste stanno anche promuovendo la loro campagna tramite Twitter: la piattaforma di social media più popolare in Arabia Saudita. «Il nostro obiettivo è essere la voce della maggioranza silenziosa, dare a tutti l'opportunità di condividere opinioni, idee, critiche, articoli e poesie» si legge nel primo tweet della stazione, secondo Newsweek.

Ma mentre il divieto di guida per le donne nel regno è stato recentemente revocato, molte sono ancora le critiche nei confronti di quelle che usano i media per diffondere la necessità di ulteriori riforme. E in generale, le donne nel Regno del Golfo sono ancora limitate nel prendere decisioni importanti e personali come sposarsi, lavorare o viaggiare liberamente, e la stazione radio di Nsawya mira a portare alla luce tali questioni.

Samar Badawi e Nassima al-Sadah, due importanti attiviste per i diritti delle donne in Arabia Saudita sono state arrestate all'inizio di questo mese, ha riferito Human Rights Watch, e altre diciassette donne sono state arrestate o detenute in primavera e in estate, secondo l'Onu.
«Questi arresti indicano che le autorità saudite vedono qualsiasi dissenso pacifico, passato o presente, come una minaccia al loro dominio. Gli alleati e i partner dell'Arabia Saudita dovrebbero interrogarsi su cosa significhi "riforma" in un paese in cui lo stato di diritto viene ignorato», ha detto il direttore del Medio Oriente a Human Rights Watch, Sarah Leah Whitson.

Last modified on Domenica, 26 Agosto 2018 14:49

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.