Sabato, 16 Dicembre 2017 13:45

Maternità e migrazione

La migrazione è stata sempre un'espressione coraggiosa della volontà dell'individuo di superare le avversità e di vivere una vita migliore.

Oggi la globalizzazione, insieme ai progressi nelle comunicazioni e nei trasporti, ha aumentato notevolmente il numero di persone che hanno il desiderio e la capacità di trasferirsi in altri luoghi per affrontare nuove sfide.

È il legame che si è creato tra migrazione e sviluppo, e soprattutto co-sviluppo, cioè il miglioramento concreto delle condizioni economiche e sociali sia di origine che di destinazione.

Secondo i dati dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, nel gennaio 2016 solo in Grecia sono arrivati circa 36mila migranti (nello stesso mese del 2015 erano 5500) e di questa massa di persone in fuga oltre la metà è rappresentata da donne e bambini. Le donne sono le custodi della memoria familiare e sociale del proprio Paese, grande o piccolo che sia. Anche nelle società in cui hanno una posizione subordinata, sono comunque le garanti degli aspetti più intimi e antichi della vita familiare e della trasmissione di questi sentimenti alle generazioni successive.

Allora esiste, forse, un rapporto tra maternità e migrazione. Il primo è un evento che rende le donne "ricettive" rispetto alla vita e all'estraneo. Per questo vivono ogni situazione con la mente e con il corpo, in un'unità inscindibile, e ciò le rende particolarmente sensibili nell'accogliere, ricordare e trasmettere.

E quale ruolo gioca, allora, la memoria nella vita delle donne migranti? "Le donne adulte e le adolescenti - spiega Adelia Lucattini, psichiatra psicoterapeuta e Psicoanalista esperta in bambini e adolescenti - sono depositarie della memoria e della tradizione familiare e culturale del proprio Paese e mediatrici attive o silenziose rispetto alla cultura di quello che le ospita.

Nella Giornata internazionale del Migranti, ringraziamo in particolare le donne per la resilienza e la ricettività attiva di cui sono capaci, che permette loro di comprendere in modo più intuitivo, il contesto culturale in cui si muovono nei Paesi accettanti. E, proprio perché custodi dell'identità personale e familiare, possono favorire il processo di integrazione dei loro figli.

Chi ha un'identità certa, più facilmente apprende una nuova lingua, si abitua a nuovi ambienti, osa assaporare nuovi cibi, è incuriosito da abitudini e usanze di un paese diverso. Chi sa chi è non ha paura di confrontarsi o di "confondersi" con l'altro, ma anzi può esserne attratto.

Last modified on Mercoledì, 03 Gennaio 2018 11:52

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.