Martedì, 04 Luglio 2017 13:02

Cara di Mineo, condizioni disumane

A Catania i richiedenti asilo tornano a protestare per le condizioni di vita all'interno del centro di accoglienza. Diffondiamo l'appello di alcune associazioni che esprimono il loro sostegno alle giuste proteste dei/lle richiedenti asilo auspicando che le istituzioni accolgano le loro richieste, anziché risolvere il problema come questione di ordine pubblico

Dopo oltre 3 anni i richiedenti asilo tornano a protestare.

Nel dicembre 2013 scesero in lotta in migliaia, dopo che all'interno del Cara di Mineo, si era ucciso il ventunenne eritreo Mulue Ghirmay per protestare contro i lunghi tempi d’attesa per l'audizione in commissione, per i troppi ed ingiustificati dinieghi, per il sovraffollamento nelle case, per la corresponsione del pocket money in sigarette anziché in denaro.

Da allora la situazione all'interno del Cara si è incancrenita, ma le reali condizioni in cui sono costretti a vivere migliaia di richiedenti asilo non hanno più trovato spazio nei mezzi di informazione.

Nei giorni scorsi in Prefettura si è riunito il Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza che, a fronte dei problemi legati alla criminalità organizzata che controlla interi quartieri a Catania e nel Calatino, ha deciso due nuove regole per il Cara: il divieto di cucinare negli alloggi e quello di vendere merci all’interno della struttura.

Non si comprende quale sia la motivazione legata alla sicurezza visto che le famiglie dei militari di Sigonella cucinavano, come se in altri continenti non fossero in grado d’usare il gas in casa o il barbecue all’esterno.

La denuncia della vendita di merci all’interno del Cara è stata lanciata da Salvini, che vuole la chiusura del Cara per motivi diametralmente opposti a quelli delle associazioni antirazziste. Secondo la Lega, infatti, i richiedenti asilo si “arricchirebbero” con il commercio illegale [...].

Noi pensiamo che le condizioni d’indigenza a cui sono costretti i/le richiedenti asilo (parcheggiati per anni dentro il Cara contro la loro volontà) li spingano a guadagnare qualche euro vendendo la loro forza-lavoro ai caporali (10/15 euro per 9/10 ore di lavoro). Tantissime donne sono indotte alla prostituzione.

Infine, le condizioni di vita all'interno del Cara di Mineo, si inseriscono nel quadro delle gravissime conclusioni del recente rapporto del Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale, in cui si denunciano le pessime condizioni di vita e la mancanza del rispetto dei diritti fondamentali delle persone trattenute in diversi centri governativi italiani.

E' possibile leggere l'appello completo, sulla pagina di Melting Pot Europa.

Last modified on Martedì, 04 Luglio 2017 13:17

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.