Domenica, 18 Novembre 2018 08:57

Anche l’Africa sta cambiando

Domani ricorre la Giornata dell'industrializzazione in Africa, che in silenzio, pazienza e resilienza sta accelerando il passo verso lo sviluppo.

Le politiche commerciali ed economiche attivate dal presidente Donald Trump, che mettono al centro l’America a discapito della altre potenze mondiali, hanno generato scelte protezionistiche anche in altri Paesi. In un panorama di tensioni crescenti tra Usa, Ue e Cina, l’Africa sembrerebbe uno spettatore passivo. L’apparenza, però, può ingannare.

Di Africa, infatti, si parla spesso per sottolinearne i problemi: guerre, povertà, migrazioni, si ccità, deserto. Queste sembrano essere le parole chiave che abitano il senso comune quando pensiamo al continente africano. Ma fermarsi ancora una volta ai soli problemi, impedisce di assistere con attenzione ai cambiamenti in atto, e alle loro possibili conseguenze.

Anche l’Africa sta cambiando: nel corso degli ultimi 25 anni, è cresciuta con velocità e modi diversi a seconda delle zone. A testimoniare l’andamento a livello economico è l’African Economic Outlook 2018, un rapporto stilato dall’African Development Bank che si occupa di analizzare i progressi delle diverse economie africane e fornisce anche delle previsioni a breve-medio termine.

Ciò che emerge dai dati è che le economie africane sono state resilienti e hanno avuto uno slancio in avanti mostrando importanti segni di ripresa già nel 2017. La crescita del prodotto in termini reali è aumentata del 3,6% durante lo scorso anno, e per il 2018-2019 è attesa un’accelerazione fino al 4,1%. Questi numeri si riferiscono all’Africa nel suo insieme perché per realizzare il loro potenziale, i paesi africani devono innanzitutto promuovere l'integrazione regionale e il commercio intraregionale.

Per aumentare le possibilità di commercio interno, che renderebbe più lineare la crescita, 49 Paesi africani hanno compiuto un importante passo verso la creazione di un vasto mercato unico che promette di rafforzare le economie dell’intero continente. Con la firma dell’accordo di libero scambio Cfta, African Continental Free Trade Area, i leader africani hanno dimostrato la volontà di impegnarsi per una modernizzazione del sistema interno.

Dopo la presentazione di questo accordo l'Africa sta per diventare la più grande area di libero scambio del mondo per numero di paesi. Secondo la Commissione economica per l'Africa delle Nazioni Unite, se tutti i 55 paesi africani si uniranno alla zona di libero scambio, copriranno più di 1,2 miliardi di persone e un pil combinato di 2,5 trilioni di dollari.

In questo panorama di sviluppo, l'industria, in particolare quella farmaceutica, costituisce un fattore importante per i progresso del continente. In uno studio basato sui dati della Banca africana di sviluppo, della Banca mondiale e dell'Organizzazione mondiale della sanità, tra l'altro il valore dell'industria farmaceutica africana è salito a $ 20,8 miliardi nel 2013 da appena 4,7 miliardi di dollari un decennio prima, senza alcun segno di rallentamento: entro il 2020, le previsioni mettono il valore del mercato annuale a $ 40 miliardi a $ 65 miliardi.

La produzione di medicinali in prossimità del luogo in cui sono necessari può contribuire a migliorare i risultati sanitari e ha il potenziale per la creazione di posti di lavoro in un'industria ad alta intensità di conoscenza, rendendola parte integrante del raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile e dell'Agenda 2063 dell'Africa.

Nessuno di questi processi è immediato, ma è evidente che un futuro di crescita sia davvero a portata di mano.

Last modified on Domenica, 18 Novembre 2018 09:05

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.