Giovedì, 07 Gennaio 2021 15:47

Violenza di uomini, cura di donne

In questi giorni, da Washington, negli Usa, a Bangui, nella Repubblica centrafricana, la violenza insanguina l’esito delle elezioni politiche: la competizione e i conflitti d’interesse raramente trovano soluzioni “amicali” che antepongano il “bene comune” al tornaconto di parte.

In Centrafrica il risultato delle elezioni del 27 dicembre è ancora contestato da scontri tra milizie, mentre negli Usa il presidente uscente, Donald Trump, il 6 gennaio a Washington rifiuta di ammettere sconfitta e aizza i suoi sostenitori a proteste violente. L’invasione del Congresso, scempio mai visto prima nella storia delle istituzioni americane, è costato la vita a quattro persone.

Tragico inizio per il 2021?

Di ben altro tono, però, la notizia che giunge dalla Val dei Mocheni, in Italia.

Il 29 dicembre il territorio assiste a un efferato omicidio: Agitu Gudeta, profuga etiope in Trentino divenuta imprenditrice e “maestra di cura ecologica”, viene uccisa a martellate e stuprata dall'uomo del Ghana che aveva assunto come guardiano. Ma il suo stile di cura non viene meno: lo continua una giovanissima donna del luogo: Beatrice Zott.

Le due donne si conoscevano da anni, e Beatrice ammirava l’originalità della donna venuta dall'Africa. Stima reciproca, che oggi diventa “servizio di cura” alle capre che Agitu chiamava per nome, una per una. In attesa che i suoi familiari, giunti dall’Etiopia, diano disposizioni sul futuro dell'azienda, le 82 capre sono ancora “felici” e in buone mani. Tante di loro sono gravide e i parti, mai facili da gestire, potranno accavallarsi negli stessi giorni. Beatrice, però, non teme: sarà aiutata da allevatori e veterinari della valle.

Questa solidarietà di cura è un buon auspicio. Ne offre esempio una giovane “pastora”, che al proprio tornaconto personale antepone il bene degli animali e del territorio.
Bene comune.

Grazie, Beatrice!

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.