L’ago della bilancia Impianto solare nel deserto
Venerdì, 31 Marzo 2017 16:10

L’ago della bilancia

La gestione oculata ed etica del risparmio 
può contribuire alla conversione ecologica 
tanto auspicata da papa Francesco nell’enciclica Laudato si’, in particolare alla transizione energetica dalle fonti fossili a quelle rinnovabili. Ne parliamo con Alessandra Viscovi, esperta di risparmio 
gestito e finanza etica, responsabile dell’area educazione dell’Altis, Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica

Come procede il risparmio etico in Italia?

In Italia la finanza socialmente responsabile è appena agli inizi. Gli italiani sono grandi risparmiatori, ma la loro domanda rimane anzitutto: “Quanto rende il mio risparmio?”. Serve una sensibilità culturale nuova, per dare più attenzione alla domanda: “Quali effetti posso ottenere con il mio risparmio?”.
È importante crescere in consapevolezza, perché al consumo critico e consapevole è importante associare un risparmio altrettanto critico e consapevole. Ma in Italia, a differenza di quanto avviene in altri Paesi, i principali operatori finanziari non sono orientati alla finanza sostenibile.
Etica Sgr, società di gestione del risparmio del Gruppo Banca Etica, è nata nel 2000 per iniziativa della società civile e dal 2003 cerca di promuovere in Italia ciò che a livello internazionale è in crescita da anni: finanziamenti socialmente responsabili. Siamo ancora agli inizi, con una fetta di risparmio molto esigua, pari allo 0,6% del mercato. Comunque, essendo partita da appena lo 0,2%, Etica Sgr negli ultimi anni ha triplicato il suo spazio. Una tendenza incoraggiante.

Quale contributo al risparmio etico dall’enciclica 
Laudato si’?

L’enciclica ha contribuito a incoraggiare iniziative concrete di ecologia integrale. Fra queste la conferenza “Laudato si’ & Investimenti Cattolici: Energia Pulita per la nostra Casa Comune”, svoltasi a San Giovanni in Laterano lo scorso gennaio, che ha contribuito a far crescere la consapevolezza della stretta relazione fra gestione del risparmio e cambiamento climatico.
L’evento internazionale, il primo del suo genere in Italia, è stato promosso dal Movimento Cattolico Mondiale sul clima e ha avuto la capacità di attrarre il mondo cattolico impegnato nel sociale e le associazioni di volontariato, insieme a esperti e studiosi del mondo accademico e dell’industria del risparmio gestito. Un bel mix, che nell’insieme può orientare scelte di vita per il pianeta attraverso una gestione responsabile del risparmio, incoraggiando la transizione dalle fonti fossili a quelle rinnovabili e sostenibili. Insomma, la conferenza ha raccolto realtà molteplici, attente ai temi della responsabilità sociale esercitata attraverso il risparmio. Ciò indica che sta crescendo la sensibilità sul tema, sebbene i mezzi di comunicazione non ne parlino molto.

A suo parere, nella conferenza quali sono stati gli interventi più significativi?
Molto rilevante è stata l’introduzione del cardinale Peter Turkson,...

Continua

Last modified on Venerdì, 31 Marzo 2017 16:16

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

Instagram

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.