Migrazioni mortali: il buonsenso non è “buonismo” Un ricordo delle vittime blogsicilia
Domenica, 20 Gennaio 2019 19:45

Migrazioni mortali: il buonsenso non è “buonismo”

Di chi è la colpa se migliaia di persone sono state inghiottite nelle rotte delle migrazioni irregolari?
Ed è proprio questa la domanda più rilevante da porsi?

Dal 19 gennaio 2019 infuriano le polemiche sull’ennesimo naufragio nel Mediterraneo: davanti alla Libia ha rapito la vita a 117 persone. Altre 52 vittime sono state segnalate lo stesso giorno fra Marocco e Spagna.

Il Mar Mediterraneo, insieme alle tante altre rotte delle migrazioni irregolari, custodisce molti più resti mortali di quelli ufficialmente registrati: sono tutte vittime,  spesso anonime, di un traffico umano che lucra sulla disperazione di milioni di  persone.

Di chi è la colpa?

Dei trafficanti di esseri umani, dell’inefficienza della guardia costiera libica, ben foraggiata da oltre 40 milioni di fondi europei e italiani, o è colpa dei nostri porti che Matteo Salvini, con ostentato orgoglio, ha sigillato?


Il penoso rimpallo di responsabilità non risolve la questione: come prevenire queste tragedie?

Neppure la dissezione fra coloro che hanno diritto alla protezione internazionale, riconosciuta da 144 Paesi, e coloro che non ne hanno diritto in quanto “migranti economici” risolve la questione.

La mobilità umana è una realtà complessa e articolata: chi la spezzetta artificiosamente in monconi staccati si illude di poterla bloccare a “casa propria”.


Mentre milioni di cittadini romeni emigrano in Italia e Spagna per migliorare le condizioni di vita per sé e le rispettive famiglie, milioni di cittadini vietnamiti o delle Filippine raggiungono la Romania per sostenere l’economia di quel Paese “spopolato”.

Per far funzionare il sistema sanitario nazionale la Gran Bretagna ha bisogno di personale medico e para-medico dall’estero: 62.000 posti vacanti. 

Le vite umane che scompaiono risucchiate nel mare o nascoste nei tir che passano le frontiere sono anzitutto vittime di una tragica miopia: rifiutarsi di gestire le migrazioni in modo “globale”.

 

Chiediamo che il “Patto globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare”, sottoscritto lo scorso 10 dicembre da 164 Paesi, venga discusso e votato al più presto anche dal Parlamento italiano. Auspichiamo però che ci vengano risparmiati gli scontri ideologici, velenosi e inconcludenti, che spesso ammorbano le aule parlamentari.

Del resto, anche a porti chiusi, gli approdi continuano, spesso alla spicciolata e lontano dai riflettori.

Il buon senso non è buonismo: è il buon senso che trova soluzioni adeguate a questioni complesse.

E le migrazioni lo sono.

Last modified on Domenica, 20 Gennaio 2019 20:07

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.