Il coraggio della lungimiranza Festival delle migrazioni Associazione Don Vincenzo Matrangolo
Martedì, 31 Gennaio 2017 14:58

Il coraggio della lungimiranza

In Calabria il modello 
di accoglienza, iniziato 
nel 2011 dal sindaco di Riace, ha incoraggiato altri Comuni 
a sperimentare percorsi 
di integrazione virtuosi. 
Fra questi c’è Acquaformosa, piccolo Comune del Pollino. Alcune operatrici e operatori* del progetto Sprar locale raccontano

Il progetto Sprar nasce ad Acquaformosa per iniziativa di Giovanni Manoccio, sindaco dal 2004 al 2014 e oggi assessore comunale all’Immigrazione, nonché delegato all’Immigrazione per la Regione Calabria.
In visita a Riace, trovò una piazza piena di bambini provenienti da tutto il mondo e pensò di riproporre quel modello di accoglienza nel proprio Comune che, con appena mille abitanti, ogni anno contava cinque nascite e trenta giovani che emigravano in cerca di lavoro. Così, nel 2010, per iniziativa di un gruppo di giovani, viene costituita l’associazione culturale Don Vincenzo Matrangolo, in ricordo di chi, grande studioso e parroco del paese dal 1939 al 2004, si era adoperato a fianco dei giovani per eliminare le disuguaglianze sociali.

Il 19 gennaio 2011 vengono accolte presso le strutture dell’associazione i primi nuclei familiari di rifugiati e richiedenti asilo provenienti dall’Armenia e dalla Nigeria. Dall’aprile 2016, in un apposito centro, sono accolti anche minori non accompagnati.

Scambio di doni
Con lungimiranza, grazie al sistema Sprar che vi accoglie giovani e famiglie, Giovanni Manoccio ha gradualmente trasformato Acquaformosa da paese di giovani in fuga a paese di giovani in arrivo. La presenza di rifugiati e migranti ha ridato vita al borgo: abitazioni che erano abbandonate da anni hanno riaperto i battenti e sono cresciute opportunità occupazionali per giovani, acquaformositani e non, che altrimenti sarebbero emigrati.
Sonia, Biagio, Simonetta, Isabella, Pasquale, Sandra, Stefano, Giuseppe sono attivamente coinvolti nel progetto di accoglienza, ciascuno con mansioni e professionalità che spaziano da educatore professionale a operatore legale o sanitario, da psicologa ad assistente sociale e a mediatrice culturale.
Giovani qualificati esercitano nella loro terra di origine competenze acquisite spesso in percorsi di studio completati altrove. Giovani che lasciano il proprio Paese permettono ai giovani che li accolgono di rimanere nel proprio Paese, come uno scambio di doni!

Passi di integrazione
Oggi Acquaformosa ospita circa sessanta persone: dieci minori non accompagnati, uomini singoli e nuclei familiari. È una fucina di culture e religioni che raccolgono la sfida di crescere insieme. Diverse le nazionalità presenti: nigeriana, siriana, gambiana, eritrea, pachistana, egiziana...

Continua

Last modified on Martedì, 31 Gennaio 2017 15:06

CHI SIAMO

Il Centro di Comunicazione Combonifem è un stato costituito a Verona dalle Suore missionarie comboniane nel 2008.

Attraverso una rivista, un sito web e social media correlati promuove la dignità di ogni persona nel rispetto delle differenze di genere, di cultura e di religione, per far crescere società inclusive attente al bene comune.

Il nome stesso, “Comboni-fem”, esprime il valore della prospettiva femminile nella comunicazione ...

 

Leggi Tutto

FACEBOOK POST

YOU TUBE

All for Joomla All for Webmasters
Utilizziamo i cookies per facilitare una migliore esperienza sul nostro sito. Se continui la navigazione riteniamo confermato il tuo assenso. Clicca qui per sapere di più sulla policy.